I robot sono il futuro degli hotel?

Sei seduto nella tua camera d'albergo all'una del mattino, cercando di modificare una presentazione, quando lo stomaco inizia a brontolare. Chiami alla reception, ma non c'è nessun altro in servizio e l'hotel non offre il servizio in camera. La soluzione? Un robot da 100 libbre con una stiva per una testa. In circa 10 minuti, riceverai una chiamata per informarti che una macchina alta tre metri sta aspettando davanti alla porta con un sacchetto di patatine e soda. No, questo non è un estratto dal fan fiction di "Star Wars", ma una consegna regolare da parte del robot Savioke al Residence Inn di Los Angeles .

Hotels in this story

https://www.instagram.com/p/BAD26KtTAl6/

In tutto il mondo, le macchine stanno silenziosamente assumendo incarichi moventi umili negli hotel. Ad esempio, New York Yotel dispone di un robot industriale di stanza nella hall per aiutare a memorizzare e recuperare i bagagli degli ospiti. Dal 2004, il Marriott ha testato l'ospite self-service chioschi di check-in . E il Giappone è stato aperto di recente Henn-na Hotel è principalmente composto da robot, tra cui simpatici e loquaci dinosauri con cappelli a forma di fattorino che aiutano gli ospiti a ottenere una stanza.

Sean Thoennes, che studia l'impatto psicologico dei nuovi media sulle persone, afferma che gli hotel sono spazi eccellenti per introdurre nuove tecnologie. Perché? La struttura di un hotel è standardizzata e apprendibile dall'intelligenza artificiale. Le stanze 604 e 704, ad esempio, sono spesso alla stessa distanza dall'ascensore. Sono anche universi chiusi, lontani da molte distrazioni del mondo reale. (Saresti più propenso a provare un'auto che guida da solo su un campo da golf di un resort o su un'autostrada a sei corsie?).

https://www.instagram.com/p/BCbTsEUD5xY

Ma questi nuovi robot non si adattano particolarmente bene alle fantasie replicanti di "Blade Runner". Gli esseri umani sono molto più disposti ad accettare robot che siano carini di quelli che assomigliano alle persone, dice Thoennes. Questo potrebbe essere un motivo per cui il robot di consegna Savioke sembra più un dispositivo di raffreddamento a circolazione d'acqua che C-3PO o Inspector Gadget. L'Henn-na Hotel utilizza anche un cyborg femminile, che ricorda una bambola parlante, per accogliere gli ospiti. Una delle molte funzioni dell'hotel include il riconoscimento facciale, che consente agli ospiti di entrare nelle loro stanze posando per una foto.

Quindi, gli ospiti dell'hotel vogliono dei robot? Consulenza software ha studiato l'uso della tecnologia negli hotel e ha scoperto che le persone nella fascia di età millenaria – dai 18 ai 34 anni – hanno molte più probabilità di optare per un hotel con capacità digitali rispetto ai viaggiatori più anziani. Lo stesso sondaggio ha anche chiesto agli intervistati cosa avrebbero dovuto fare i robot. Il 51% ha optato per la consegna in camera di articoli come asciugamani e snack extra e il 26% ha suggerito l'assistenza per il check-in e il check-out. La consegna del servizio in camera si è classificata al terzo posto al 18% e ha annunciato che le opzioni di ristorazione e attività sono arrivate per ultime al cinque per cento.

Nel 2014, ad una conferenza di alloggi, Eric Jacobs, Chief Development Officer del Nord America per Marriott International, ha detto la mentalità di DIY dei millennial spinge almeno in parte l'interesse ad adottare la tecnologia. "Fanno tutto da soli", ha spiegato Jacobs, "Entrando e verificando, si sentono come se fossero in grado di gestirlo da soli."

Mentre i chioschi per il check-in in hotel stanno diventando più comuni, sono i proprietari lungimiranti che stanno investendo negli ultimi robot. Dopo aver visto una dimostrazione del fattorino del 21 ° secolo di Savioke alla conferenza HITEC, il proprietario del Residence Inn Los Angeles LAX ha pensato che sarebbe stata una grande aggiunta alla sua proprietà. Il team del Residence Inn ha battezzato il robot "Wally the Butler" e l'ha presentato a settembre 2015, aspettandosi che portasse asciugamani e dentifricio agli ospiti. "È diventato rapidamente un tale successo. Le persone hanno iniziato a ordinare articoli di mercato e Starbucks ", afferma Tom Beedon, direttore generale del Residence Inn LAX. Nell'ultimo anno, il robot ha effettuato 400 consegne dal minimarket della hall e altre 300 dall'Hotel Starbucks, per un importo di $ 6,700. Beedon considera la maggior parte di questo denaro come incrementale perché le persone ordinano il cibo per vedere il robot e spesso fanno selfie con esso. Residence Inn aggiunge anche una commissione di consegna di $ 2 per contribuire a coprire il costo del robot. Quindi, i numeri funzionano? Sfortunatamente, Savioke non rende pubblico il costo del robot.

Tessa Lau, "Chief Robot Whisperer" di Savioke, afferma che gli hotel a medio servizio sono il target ideale del robot. "Un Four Seasons non vuole la consegna dei robot – sono focalizzati sul servizio di guanti bianchi", spiega. Probabilmente anche un motel non vorrà investire nella macchina. Ma quegli hotel, come il Residence Inn, che hanno già rifornimenti e un piccolo staff possono trarre il massimo dall'aiuto extra. Al momento, solo otto dei robot Savioke sono in servizio – tutti negli hotel della California, anche se un paio di proprietà di New York pianificano di lanciarli nel prossimo futuro.

Le situazioni del mondo reale hanno ispirato modifiche del design nel robot. Uno dei suoi prototipi ha frainteso la mappa dell'hotel, è diventato canaglia e si è ritrovato nel garage. Catturare la macchina è stato facile quella volta, ma un'altra situazione all'inizio di quest'anno è diventata complicata. Verso le 2 del mattino, un ospite del Residence Inn ha chiamato per gli asciugamani nuovi. L'auditor notturno ne lasciò alcuni in Wally e mandò la macchina sulla sua strada. Ma l'ospite non aveva spiegato il motivo per i nuovi asciugamani – il suo gabinetto è stato tamponato e ha avuto bisogno di loro per assorbire il trabocco. Supponendo che potesse usare il robot per una consegna di ritorno, l'ospite lasciò cadere gli asciugamani bagnati nel suo carico utile e cortocircuitò il congegno. "Savioke era davvero eccitato quando è successo", ricorda Beedon, "ha dato loro un motivo per migliorare la macchina." Oggi il container del robot è completamente impermeabile.

Fondata da programmatori che hanno lavorato nel laboratorio di ricerca sulla robotica di Willow Garage, Savioke ha raccolto $ 17 milioni da 11 investitori. La società ha costruito sei versioni del robot prima di portarlo a un livello in cui pensavano fosse commercializzabile. Lau dice che molti miglioramenti sono stati fatti lungo la strada. I programmatori hanno collaborato con Google Ventures per testare e ottimizzare elementi della macchina come la lettura, che ora mostra due occhi del computer. In una versione iniziale del robot, il coperchio che contiene i contenitori non si apriva automaticamente e confondeva i clienti su come ricevere la consegna. Ora, si apre quando la porta dell'ospite fa.

Inoltre, con la copertura del "Los Angeles Times", di Fox News e di altri punti vendita, la novità di Wally presso il Renaissance Inn LAX ha anche portato a una maggiore pubblicità rispetto agli hotel aeroportuali in genere ricevuti. Beedon crede che il robot abbia persino portato ad un più alto tasso di occupazione in albergo rispetto a quanto inizialmente previsto. Ma quel fattore novità svanirà quando e se i robot diventeranno prevalenti? Beedon concorda sul fatto che dovranno continuare a trovare modi per mantenere le cose interessanti. Oltre alle consegne di snack e forniture, il robot porta anche palloncini per ogni bambino in albergo nel giorno del suo compleanno. In almeno un caso, un fidanzato romantico ha anche chiesto a Wally di consegnare un anello di fidanzamento alla sua ragazza. Savioke ha anche recentemente introdotto un aggiornamento che consente a Wally di intrattenere gli ospiti quando non funziona su una consegna. "Ora può uscire nell'atrio e chiedere agli ospiti se vogliono che lui racconti uno scherzo, fa un selfie o spiega come lavora", dice.

Dall'altra parte del paese, lo Yotel di New York ospita un robot industriale che immagazzina i bagagli per gli ospiti che hanno effettuato il check-out, ma che hanno comunque bisogno di un posto dove tenere i bagagli prima di lasciare la città. Costruito appositamente per l'hotel e installato cinque anni fa, il Yobot si trova dietro il vetro e posiziona un ripiano di dimensioni di una valigia attraverso una finestra aperta per consentire agli ospiti di lasciare i loro bagagli. La macchina ordina gli articoli su un ripiano, quindi stampa una ricevuta del codice a barre, che l'ospite deve semplicemente scansionare al momento del prelievo. Il vicepresidente del marchio Yotel, Jo Berrington, afferma che il ritorno sull'investimento è stato enorme perché gli ospiti lo apprezzano, la copertura delle notizie è positiva e la funzionalità consente allo staff di concentrarsi su altre attività. Tuttavia, Berrington non divulgherà quanto costa il proprietario Yobot e se ci sono piani per replicare la capacità in una delle proprietà esistenti o future della catena.

Mentre non tutta la nuova tecnologia è così accattivante, è certamente pervasiva. Marriott ha decine di migliaia di chioschi di check-in self-service automatici come ATM, che hanno iniziato a sperimentare più di dieci anni fa. All'inizio di quest'anno, Caesars Palace di Las Vegas introdotto chioschi per il check-in automatico per gestire il traffico degli ospiti che può arrivare fino a 3.000 persone in un giorno. L'obiettivo è di non avere nessuno che aspetti più di 15 minuti, Bob Morse, presidente dell'ospitalità di Caesars Entertainment, ha detto al " Rivista di riviste di Las Vegas "In confronto, Yotel si basa principalmente sulle stazioni di check-in degli ospiti e, secondo Berrington, il tempo medio di transazione è inferiore a un minuto.

La scorsa estate, Hilton ha lanciato anche una funzionalità di chiave digitale nella sua app HHonors, consentendo ai clienti abituali di sbloccare le loro stanze con i loro telefoni cellulari. Secondo Hilton , ci sono stati più di 267.000 utilizzi di chiavi digitali in quasi 250 proprietà degli Stati Uniti. L'interesse per gli hotel abilitati per smartphone è abbastanza alto. UN Consulenza software il sondaggio ha rilevato che il 60% dei consumatori era più propenso a scegliere un hotel che offriva la funzione rispetto a quelli che non lo facevano.

Non sono gli unici a sperimentare nuove tecnologie. Il Renaissance Hotel, nel Fashion District di New York, dispone di un Discovery Portal, che consente agli ospiti di conoscere il quartiere circostante. I cerchi illuminati sul terreno richiamano l'ospite sulle opzioni di ristorazione o di intrattenimento entro una distanza di cinque minuti (o più). Una volta scelta un'opzione, lo schermo curvo sul muro offre una griglia di scelte, a cura del partner editoriale "Time Out New York". Basta indicarne uno per vedere ulteriori dettagli. L'interfaccia proiettata è inoltre dotata di effetti sonori swooshing che rendono l'esperienza simile a quella di Star Trek Enterprise. E mentre le informazioni possono essere facilmente trovate su uno smartphone, il portale ha almeno un trucco unico. Metti la tua mano su un occhio per imitare il logo del bar dell'hotel, Rock & Reilly's, e riceverai un codice sconto per un drink.

Quindi, qual è esattamente il futuro della tecnologia alberghiera? Thoennes predice che la telepresence – porting l'aspetto di un umano su uno schermo video – diventerà più comune. In realtà, questo è già implementato in diversi chioschi di noleggio auto. Anche se gli ospiti che desiderano un servizio personalizzato continueranno probabilmente a interagire con le persone nella parte anteriore della casa, gli hotel di fascia media e quelli economici stanno facendo passi verso il mondo di "Blade Runner" che un tempo sembrava lucido e surreale. Sarai comunque in grado di far recapitare Pringles nella tua camera d'albergo nel cuore della notte, ma invece di lasciare il fattorino, ti assicurerai di non rovesciare il robot.

Storie correlate: