Le migliori piccole città in Italia

L'Italia è molto più di grandi musei e chiese barocche. Mentre la Galleria degli Uffizi di Firenze e le basiliche piene di marmo di Roma dovrebbero essere sulla lista di tutti i viaggiatori del mondo, le piccole città del paese hanno molta bellezza fatta in casa che è molto diversa dai capolavori del Rinascimento e dalle guglie coperte di dorature che si trovano nelle grandi città.

Prima del Boot unificato nel 19 ° secolo, la penisola era una raccolta di città-stato che avevano un grande orgoglio locale e spesso andavano in guerra con altri territori locali. Non si trattava di centri commerciali in cui uno sviluppatore si era buttato giù uno Starbucks e uno Spaghetti Warehouse, ma fughe in collina e villaggi sul mare con castelli gotici e spiagge incontaminate. Attraversa la campagna italiana e troverai numerose cittadine meravigliosamente distintive. Ecco alcuni dei nostri preferiti.


Atrani

Via a Palazzo Ferraioli, Atrani / Oyster

Via a Palazzo Ferraioli, Atrani / Oyster

Meno di un miglio quadrato, Atrani è il più piccolo villaggio in Italia. Coloro che visitano vengono per il clima e la storia. Gli inverni qui sono miti e le estati sono soleggiate, ma non troppo calde. Le temperature medie vanno dagli anni '50 agli anni '80. E non solo le folle si accendono, anche l'area è priva di automobili. Se soggiornate ad Amalfi, Atrani è a soli 30 minuti a piedi. Una volta lì, puoi scovare Torre Dello Ziro, una fortezza del XV secolo, e la Chiesa di Maria Maddalena, sede di una manciata di notevoli sculture. Le pareti della Grotta dei Santi – una struttura simile a una grotta che rimane da un monastero a lungo defunto – sono decorate con affreschi del 12 ° secolo di evangelisti. Inoltre, puoi scalare il campanile di San Michele Arcangelo per un'epica vista della Costiera Amalfitana.

Atrani Hotel Pick:

Castelluccio

Castelluccio; pizzodisevo 1937 / Flickr

Castelluccio; pizzodisevo 1937 / Flickr

Situato nell'Italia centrale vicino al polpaccio dello Stivale, Castelluccio è l'insediamento più alto dell'Appennino. Il villaggio si affaccia sulla Grande Pianura (Piano Grande), un bacino fatto di pietra calcarea porosa che irrompe con fiori di campo in primavera e in estate. La città del XIII secolo ha solo 150 abitanti e molte delle sue strade e edifici sono stati danneggiati durante gli eventi sismici nel 2016 e 2017. Tuttavia, la grande ricostruzione ha portato alla riapertura di quei percorsi e la più grande attrazione non è l'architettura locale tanto come l'esterno illustre che lo circonda. Per la maggior parte dell'anno, ampie sezioni delle pianure vengono utilizzate per il pascolo. Tra maggio e luglio, un mosaico di fiori – violette, asfodeli e trifogli – trasforma la campagna in un dipinto paesaggistico impressionista. Gli esploratori dei grandi spazi aperti possono anche utilizzare Castelluccio come punto di partenza per escursioni, parapendio, mountain bike, tiro con l'arco ed equitazione.

Positano

Giardino presso Il San Pietro di Positano / Oyster

Giardino presso Il San Pietro di Positano / Oyster

Se guardi Positano dalla Costiera Amalfitana, la città sulla scogliera sembra come se fosse stata strappata da un libro di fiabe. Le case colorate sembrano essere impilate l'una sull'altra. La spiaggia è circondata da ombrelloni disposti ordinatamente che ombreggiano una lunga fila di bagnanti. Sebbene Positano sia piccola, il villaggio sul mare ha una storia leggendaria e affascinante. Un tempo porto della repubblica amalfitana, Positano prosperò nei secoli XVI e XVII e poi si dibatteva tra la metà del XIX e la metà del XX secolo, quando molti dei suoi abitanti emigrarono in America. Negli anni '50, il villaggio divenne popolare come località turistica, con l'aiuto del romanziere John Steinbeck, che lo rhapsodò per la rivista Harper's Bazaar. Nell'ultima metà del XX secolo, la città si è trasformata in una destinazione alla moda con boutique alla moda e ospiti famosi come George Clooney e Julia Roberts. Mick Jagger e Keith Richards hanno scritto la canzone dei Rolling Stones "Midnight Rambler" mentre calciavano nei caffè locali. La chiesa di Positano di Santa Maria Assunta è da non perdere, ma probabilmente vorrai trascorrere molto del tuo tempo fissando le acque blu zaffiro che si riversano sulla sabbia.

Scelta Hotel Positano:

San Gimignano

Pool View a Villasanpaolo, San Gimignano / Oyster

Pool View a Villasanpaolo, San Gimignano / Oyster

Gli autobus turistici effettuano regolarmente il viaggio di 25 miglia da Firenze per visitare la città medievale di San Gimignano, unica nel suo genere. Durante la sua altezza, San Gimignano era un posto rispettato e spesso doveva difendersi dalle città-stato vicine. Numerose torri di pietra furono erette per dare alla squadra di casa un vantaggio contro qualsiasi attaccante. Delle 72 torri originali, 14 rimangono e sono molto impressionanti. Dato che stai visitando questo sito patrimonio mondiale dell'UNESCO, le folle di turisti saranno probabilmente una vista normale, ma ciò non sottrarrà alla sensazione di passeggiare nella storia. Inoltre, se sali le scale di una delle torri, otterrai una delle migliori viste in Toscana. La cattedrale della città presenta affreschi di Taddeo di Bartolo, Benozzo Gozzoli e Domenico Ghirlandaio. Per una lezione di cultura più superficiale, il Museo della tortura medievale mostra gli strumenti utilizzati per intimidire e uccidere i nemici.

Hotel San Gimignano Pick:

Saluzzo

Saluzzo; Emilie S / Flickr

Saluzzo; Emilie S / Flickr

Un'ora a sud di Torino, nell'Italia nord-occidentale, Saluzzo un tempo era una potente città-stato. Oggi, la città in cima alla collina è nota per l'architettura medievale, in gran parte risalente a quei potenti giorni del XV secolo. Mentre una famiglia controllava il luogo dal 1142 al 1548, Ludovico I del Vasto, che era il marchese di Saluzzo dal 1416 al 1475, lo portò al suo apogeo essendo politicamente neutrale e amato dai sovrani dei villaggi vicini. Molti dei siti storici della città risalgono al suo regno o al regno di suo figlio, Ludovico II. La cattedrale dell'Assunzione presenta rosoni, un altare barocco di Carlo Giuseppe Plura e un trittico del XV secolo di Hans Clemer. Non lontano da Saluzzo si trova il Castello della Manta, risalente al XII secolo, una residenza nobiliare. Fatto divertente: Giambattista Bodoni, il designer il cui lavoro ha ispirato il font Bodoni, era di Saluzzo.

Castelsardo

Spiaggia a Castelsardo Resort Village / Oyster

Spiaggia a Castelsardo Resort Village / Oyster

Chiunque visiti l'isola di Sardegna dovrebbe pianificare almeno una gita di un giorno nella città medievale di Castelsardo . Mentre gli archeologi hanno trovato tracce di insediamenti locali risalenti alla preistoria, relativamente poco si sa su tutte le civiltà che sono venute e se ne sono andate e hanno lasciato strutture che assomigliano a serie del "Signore degli Anelli". Ad esempio, ci sono numerosi nuraghi torri di pietra costruite intorno al 1000 aC che potrebbero essere state usate dai clan per contrassegnare il loro territorio. L'edificio più famoso della zona è probabilmente il castello dei Doria. Arroccato su una collina che domina la baia, la struttura del XII secolo fu costruita dalla famiglia Doria di Genova e rimase una roccaforte del loro impero. La distanza del castello dall'acqua salata ha permesso che rimanga in discreto stato. All'interno del castello si trova il Museo della tessitura mediterranea, che espone uno dei principali mestieri della zona. Oltre i cesti, i tessitori locali fabbricano anche trappole per la pesca, briglie per i cavalli e strumenti per fare il pane. Osserva le mura della città e vedrai una magnifica vista della costa settentrionale e dell'isola dell'Asinara. Certo, Castelsardo non è solo storia – c'è anche una bellissima spiaggia, canottaggio e molti gradini di ciottoli per mantenere in forma i tuoi muscoli posteriori della coscia.

Hotel a Castelsardo:

Lecce

Terreno al Patria Palace Lecce - MGallery Collecion / Oyster

Terreno al Patria Palace Lecce – MGallery Collecion / Oyster

Più simile a una piccola città che a una piccola città, Lecce ha una grande architettura e imponenti manufatti che hanno portato al suo soprannome, "La Firenze del Sud". Una delle maggiori esportazioni della regione è la pietra leccese, un tipo di calcare tenero che è grande per sculture e facciate di edifici. Il facile accesso alla pietra ha parzialmente ispirato uno stile distinto di architettura barocca che si trova in molte delle chiese e piazze locali. L'artista e scultore leccese Giuseppe Zimbalo progettò alcuni dei maggiori edifici della città, tra cui il Convento dei Celestini e il campanile del Duomo di Lecce. Se vuoi vedere la frase "troppo non è mai abbastanza" tradotta in una chiesa del 17 ° secolo, dai un'occhiata alla facciata decorata della Basilica di Santa Croce. I fan delle rovine romane possono controllare l'anfiteatro di Lecce, che in origine ospitava 25.000 persone. Per i turisti più interessati al presente rispetto al passato, Lecce è anche una città universitaria, una base eccellente per esplorare la regione del Salento e vicino a numerose spiagge costiere.

Hotel a Lecce:

Sperlonga

Spiaggia presso l' Hotel Aurora, Sperlonga / Oyster

Spiaggia presso l' Hotel Aurora, Sperlonga / Oyster

Situata a metà strada tra Roma e Napoli, Sperlonga è una località balneare estiva molto più conosciuta dagli italiani che dai turisti. Se stai cercando cose da fare a Sperlonga, potrebbe non essere la città giusta per te. Questo posto sul mare assonnato è celebrato come un posto bellissimo per allontanarsi dalla confusione e solo prendere nel Mar Tirreno. L'imperatore romano Tiberio vi soggiornò nel primo secolo dC, ma dalla sua villa rimangono solo poche cose, tra cui la fondazione, le pozze d'acqua dolce e le sculture. Le sculture di Sperlonga sono ora ospitate in un museo vicino alle rovine della villa. Negli anni '50 e '60, la città era considerata una meta affascinante e tra i visitatori famosi c'erano Andy Warhol, Marlene Dietrich e John Updike. In questi giorni, è un bel posto per passeggiare per le strade che sono state create nel Medioevo e giacciono sulla spiaggia sotto il calore del sole.

Scelta Hotel Sperlonga:

Glorenza / Glurns

Glorenza; mstefano80 / Flickr

Glorenza; mstefano80 / Flickr

Molto di Glorenza sottolinea quanto siano stati fluidi i confini europei. Situato nella parte sud-tirolese dell'Italia settentrionale, il comune di circa 1.000 persone si trova vicino al confine con la Svizzera, ma oltre il 90 percento della popolazione parla il tedesco come prima lingua. (Glorenza è la versione tedesca di Glorenza). Un tempo era un centro per il commercio del sale tra l'Austria, la Lombardia e la Germania meridionale. Molte delle notevoli strutture medievali, come le torri e le mura della città, sono intatte e ricordano gli edifici in altre parti delle Alpi. Glorenza ha anche altre indulgenze moderne come la fabbrica di whisky Puni single malt, che distilla il suo spirito nei bunker che risalgono alla seconda guerra mondiale. La cucina locale è una combinazione di specialità country italiane e tedesche.

ORA GUARDA: Il miglior itinerario per l'Italia

https://www.youtube.com/watch?v=4mnEJmrb9jI

Ti piacerà anche: