Il miglior itinerario per la Cambogia

La Cambogia sta guadagnando attenzione nella comunità dei viaggi da alcuni anni. Per una nazione relativamente piccola, il Regno delle Meraviglie, come è noto, vanta una miriade di attrazioni: antichi templi, città vivaci, una campagna accogliente e isole idilliache, per citarne solo alcune. Per molti, è necessario un lungo viaggio per raggiungere, quindi è probabile che vorrete prendere un sacco di giorni di vacanza per esplorare completamente il paese. Detto questo, abbiamo analizzato un itinerario di 10 giorni per la Cambogia che include le migliori città, i magnifici templi e le zone più selvagge e remote.

1 ° giorno: arrivo al tuo hotel a Siem Reap e orientati.

Piscina al Park Hyatt Siem Reap

Piscina al Park Hyatt Siem Reap

Arrivo a Siem Reap , una città compatta che negli ultimi anni è esplosa grazie alla sua vicinanza ai templi di Angkor Wat. Ovunque tu abbia viaggiato, è probabile che tu abbia sopportato un lungo viaggio con più voli in coincidenza o magari un viaggio in autobus accidentato dalla vicina Thailandia o Laos. Pertanto, è consigliabile passare la giornata ad acclimatarsi e orientarsi. Per iniziare, dirigetevi al Museo Nazionale di Angkor per immergervi nella ricca storia dell'impero di Angkor e nei secoli di prosperità che hanno accompagnato la costruzione di questi straordinari templi. Il museo presenta migliaia di manufatti, molti dei quali sono esposti nella serena galleria di 1.000 Buddha. I display interattivi offrono ai visitatori una comprensione dei vari stili architettonici e dei marchi che ciascuno dei re Khmer impiegava nei rispettivi templi. Quindi, prendi un tuk-tuk e vai a nord della città per acquistare il tuo Angkor Pass alla biglietteria dell'Angkor Park. Per sfruttare al meglio il tuo tempo qui (e per evitare di imballarlo tutto in un giorno), opta per il pass di tre giorni, valido per 10 giorni.

Dove Mangiare: Per un'introduzione perfetta all'autentica cucina cambogiana, dirigiti verso l'arioso e suggestivo Sugar Palm. I piatti dello chef Kethana sono i più apprezzati in stile familiare. I preferiti includono lo zenzero saltato in padella, la zuppa di korko e l'amo di pesce, che comprende pesce al vapore, crema di cocco ed erbe.

Dove alloggiare : Entrambi i Rambutan Resort – Siem Reap e Diamond D'Angkor Boutique offrono sistemazioni intime e confortevoli, convenientemente situate a pochi passi dal centro, ma abbastanza lontane per sfuggire al rumore dei festeggiamenti notturni. Per qualcosa di un po 'più lussuoso nel cuore del centro, prova Park Hyatt Siem Reap .

2 ° giorno: Dai un'occhiata ai templi di Siem Reap (Ta Prohm, Ta Keo, Bayon e Ta Nei).

Tempio di Bayon; Mark Fischer / Flickr

Tempio di Bayon; Mark Fischer / Flickr

Se hai fatto i tuoi compiti o sei stato al Museo Nazionale di Angkor, sai che Angkor Wat è un tempio individuale, così come il nome comunemente usato per l'intero complesso. Molte persone si precipitano ad Angkor Wat quando l'ammissione si apre alle 5 del mattino per catturare l'alba sul laghetto riflesso. Anche se questo è uno spettacolo notevole da vedere, è un'introduzione precoce e un po 'competitiva ai templi, quindi cerchiamo di iniziare presto per un altro giorno. Invece, vai a Ta Prohm quando si apre alle 7:30 del mattino per battere gli autobus turistici. Il tempio rimane quasi nelle stesse condizioni in cui è stato trovato, con alberi massicci che crescono fuori dalle strutture. Ta Prohm è molto più piccolo di Angkor Wat e Angkor Thom, quindi vale la pena dare la priorità a una visita iniziale qui.

Quindi, sali di nuovo in un tuk-tuk e dirigiti a nord-ovest verso il vicino tempio Ta Keo. Potresti anche essere fortunato ad avere questo tempio in pietra arenaria a cinque livelli per te. Sali la serie di scale per raggiungere le torri superiori e goditi le viste eccellenti delle gallerie e delle terrazze sottostanti. Prima che faccia troppo caldo, sii sicuro di andare al tempio Bayon all'interno del tentacolare complesso di Angkor Thom, che fu l'ultima capitale dell'impero Khmer. Il tempio Bayon è rinomato per le sue elaborate decorazioni e le enormi sculture di volti sorridenti in pietra. C'è molto da ammirare mentre ti dirigerai verso la terrazza superiore del tempio, dove potrai ammirare da vicino le squisite facce di pietra (216 in totale). Ora è il momento di lasciare la folla alle spalle e dirigersi verso il tempio Ta Nei. A causa di una stretta strada sabbiosa, gli autobus turistici non possono raggiungere questo santuario coperto di alberi. Le pittoresche rovine non hanno visto molti restauri e comprendono una manciata di alberi massicci che lentamente rivendicano il dominio sulle pietre di 900 anni. Prima che faccia troppo caldo, torna nella città di Siem Reap e goditi i servizi del tuo hotel: ci sono altri templi da scalare domani.

Dove mangiare: Situato in una tradizionale casa in legno cambogiana, Cuisine Wat Damnak mescola sapientemente piatti cambogiani e francesi utilizzando ingredienti locali, come ninfee e pesce fresco del lago Tonle Sap. Il menu cambia ogni due settimane, con due scelte di assaggi di cinque portate.

3 ° giorno: Scopri altri templi di Siem Reap (Banteay Srei) e Kbal Spean.

Tempio di Banteay Srei; Staffan Scherz / Flickr

Tempio di Banteay Srei; Staffan Scherz / Flickr

Alzati presto per viaggiare un'ora in tuk-tuk (o 45 minuti in auto) al tempio settentrionale di Banteay Srei per il suo orario di apertura alle 7:30. Banteay Srei presenta incisioni perfettamente conservate nella sua roccia di colore rosa, rendendola un'attrazione unica tra gli altri templi di Angkor. Traducendo in "Cittadella delle donne", Banteay Srei fu commissionato da un brahmano piuttosto che da un re. Le donne sono ben rappresentate tra le incisioni, con molte incisioni di donne che tengono fiori di loto.

Avendo viaggiato in questo modo, è logico fare una visita a Kbal Spean, che è un po 'più a nord sulla strada 66. Situato all'interno della giungla del Phnom Kulen National Park, il sito archeologico di Kbal Spean presenta un letto di fiume riccamente scolpito e una serie di cascate Le incisioni includono i 1000 linga lungo il letto del fiume, che sono facilmente visibili attraverso l'acqua bassa, così come i motivi di animali e divinità indù. Per raggiungere il sito, dovrai percorrere a piedi un sentiero di due chilometri che si snoda su massi massicci e fitte chiome. Lo sforzo aggiunto vale la pena.

Dove Mangiare: ora che hai avuto un'introduzione alla cucina cambogiana, avventurati con gli esperti di Siem Reap Food Tours per assaggiare il cibo di strada nel vivace mercato notturno fuori città.

4 ° giorno: vedere l'alba ad Angkor Wat (oltre ai templi di Preah Khan, Neak Pean e Ta Som).

Angkor Wat / Oyster

Angkor Wat / Oyster

È il tuo ultimo giorno a Siem Reap, il che significa che è ora di prendere finalmente l'alba su Angkor Wat. Se ti impegni a ottenere una foto perfetta, arriva alle 4:45 am nitide per essere ben posizionata sullo stagno di riflessione. Trova un punto il più vicino possibile al bordo dell'acqua, ma evita le macchie con troppi rilievi di giglio, poiché oscurano il riflesso. Per un'esperienza più rilassata, prendere in considerazione la possibilità di andare ad Angkor Hill per godere di una vista sui templi mentre il sole sorge da dietro. Al contrario, potresti venire qui per vedere il tramonto quando il tempio è illuminato dalla facciata. Provenendo da Angkor Hill, ti dirigerai verso sud per attraversare l'imponente fossato che circonda Angkor Wat. Non tardare ad arrivare al tempio più interno, che si erge sopra le gallerie esterne, garantendo viste panoramiche sulla città antica circostante. Assicurati di assegnare abbastanza tempo ed energia per ammirare le straordinarie incisioni che si estendono lungo le pareti esterne della galleria. Le sezioni includono la galleria Paradiso e Inferno sul lato meridionale, Battaglia degli dei e Demoni a nord, e Vishnu Conquers Demoni sul lato orientale. Se sei ancora dell'umore da esplorare, dirigiti a nord-est verso i templi di Preah Khan, Neak Pean e Ta Som. Situati lungo la stessa strada, questi tre templi mostrano stili diversi e vedono molte meno folle di Angkor Wat e Bayon. Prima di lasciare Siem Reap, prova a catturare un atto dai talentuosi acrobati del Phare Ponleu Selpak che eseguono il circo. Questi giovani artisti cambogiani incorporano un mix di temi e stili musicali moderni e tradizionali nelle loro performance che sfidano la gravità.

Dove mangiare: per gustare piatti tradizionali e cocktail fatti in casa, recati a Spoons cafe, un ristorante all'aperto che offre anche istruzione e formazione ai giovani locali.

5 ° giorno: visita i mercati di Phnom Penh.

La piantagione

La piantagione

Per fare il viaggio di 300 chilometri verso la capitale cambogiana, le tue opzioni includono un viaggio in autobus di sei ore o un volo interno di 45 minuti. Giant Ibis è una delle compagnie di autobus più rispettabili e costa $ 16 (dal 2019), mentre un volo con Cambodia Angkor Air ti costerà circa $ 90 a $ 100, a seconda di quando prenoti.

Sebbene Siem Reap sia certamente animata dal traffico turistico, non ha nulla sulla rapida crescita che sta vivendo la capitale moderna della Cambogia. Ogni anno, sempre più grattacieli riempiono quello che una volta era uno skyline fatto per lo più di guglie pagoda e case con tetto di lamiera. I mercati di Phnom Penh riflettono ancora il passato della città, in particolare il mercato centrale in stile Art Deco. Venditori e venditori affollano le bancarelle all'interno e tra le quattro ali del mercato, creando un labirinto di vedute e odori. Se sei qui all'ora di pranzo, visita le bancarelle di cibo per lo-cha (un tipo di tagliatelle corte e saltate in padella), calamari grigliati e altre prelibatezze. Anche la varietà di frutta offerta è davvero notevole, compresi i mangostani dolci, il jackfruit spinoso e i rambutan sfocati. Per alcune esperienze locali, prenota un tour della città con Motogirltour . Questa compagnia turistica gestita da donne percorre i mercati e le principali attrazioni di Phnom Penh in un viaggio personalizzato. Vieni sera, vai al Museo Nazionale della Cambogia per uno spettacolo di danza classica che incorpora il folklore, le tradizioni e la vita del villaggio.

Dove Mangiare : Dopo lo spettacolo, percorri alcuni isolati verso ovest fino a Romdeng, un ristorante di ONG che allena i giovani nelle arti culinarie e nell'ospitalità. Il loro menu include molti piatti locali, oltre ad alcune opzioni più nuove, come la tarantola fritta.

Dove alloggiare: The Plantation offre un'oasi tranquilla nel cuore di Phnom Penh, una località difficile da battere.

6 ° giorno: Visita al Museo del genocidio di Tuol Sleng a Phnom Penh.

Museo del genocidio di Tuol Sleng; Clay Gilliland / Flickr

Museo del genocidio di Tuol Sleng; Clay Gilliland / Flickr

Dopo aver trascorso la prima tappa del viaggio ammirando le grandi dinastie cambogiane, il Tuol Sleng Genocide Museum di Phnom Penh testimonia i crimini dei Khmer Rossi. Prima del suo mandato come museo, l'edificio era in origine una scuola superiore e poi convertito in un carcere di sicurezza noto come S-21. Le forze dei Khmer Rossi hanno tenuto una documentazione completa dei loro prigionieri e delle pratiche di tortura, dimostrate dalle migliaia di fotografie in bianco e nero delle vittime dell'S-21. Quando le forze vietnamite alla fine liberarono Phnom Penh nel 1979, solo sette prigionieri erano ancora vivi all'S-21. Ognuna delle storie dei sopravvissuti è raccontata a Tuol Sleng, compreso come hanno usato abilità, come dipingere ritratti di ufficiali, per sopravvivere. Una visita a Tuol Sleng è certamente straziante, ma conoscere questa storia recente è essenziale per cogliere un quadro più completo della Cambogia. Se ti senti all'altezza, il labirinto di venditori del vicino mercato russo merita una sosta per i cromi (plaid tradizionali sciarpe) e altri reperti parsimoniosi.

Dove Mangiare: Prima di partire a Phnom Penh, esplora i bar e ristoranti boutique che punteggiano Bassac Lane – una collezione di vicoli che offrono un'alternativa hipper ai bar seedier su Street 51 e sul lungofiume.

7 ° giorno: Esplora Kampot e fai una crociera in barca al tramonto.

Kampot, Cambogia; William / Flickr

Kampot, Cambogia; William / Flickr

Fuggi dal trambusto di Phnom Penh per un ritmo più lento nella città fluviale di Kampot – a sole tre ore a sud della capitale con l'autobus. A cavallo tra il fiume Praek Tuek Chhu salmastro, Kampot è situato tra la lussureggiante montagna Bokor e il Golfo della Thailandia. Il centro di Kampot presenta alcune delle architetture coloniali francesi meglio conservate in Cambogia, con molti degli edifici sbiaditi color giallo canarino che operano come caffè e negozi. Ci vorrà solo una parte del pomeriggio per passeggiare sul lungofiume e tranquille stradine che si diramano dal vecchio mercato. Tuttavia, per sfuggire al caldo di mezzogiorno, è consigliabile fermarsi all'Epic Arts Cafe o Cafe Espresso Roastery per un rinfrescante caffè Khmer ghiacciato (con latte dolce). Epic Arts Cafe e il suo negozio di artigianato adiacente sono gestiti da Epic Arts, una ONG locale che utilizza l'arte come forma di empowerment ed espressione per le persone con e senza disabilità. Verso le 17:00, tornate al fiume per una piacevole crociera in barca sul fiume Praek Tuek Chhu. La crociera al tramonto ti costerà solo $ 5 (a partire dal 2017) e include una lattina di birra. Inoltre, il cielo dietro il Monte Bokor da 3.500 piedi diventa una tonalità rosa miracolosa.

Dove Mangiare: Dopo la crociera in barca al tramonto, sarete lasciati sul lungofiume, accanto a Rikitikitavi, intorno alle 19.30. Il bar al piano superiore e la sala da pranzo servono un mix di piatti cambogiani e internazionali, mentre forniscono un posto ideale per le persone- guardando e godendo l'aria della notte.

8 ° giorno: Summit Bokor Mountain e lezione di storia.

Popokvil Waterfall; Ankur P / Flickr

Popokvil Waterfall; Ankur P / Flickr

Avendo trascorso gran parte del tuo primo giorno a Kampot ammirando la presenza incombente di Bokor Mountain dal basso, è tempo di avventurarsi sulla tortuosa strada per raggiungere la sua cima ed esplorare parte di questo parco nazionale di 579 miglia quadrate. Se sei a tuo agio guidando una moto, aziende come Ratanak Tour offrono tariffe ragionevoli per noleggi di un giorno intero. Altrimenti, dovrai noleggiare un'auto privata per il giorno dato che i tuk-tuk non possono scalare le ripide pendici di Bokor. Nonostante la deforestazione illegale nel parco, la fitta giungla ospita ancora orsi, gibboni e numerose specie di uccelli. Una rete di sentieri non segnata attraversa il terreno, consentendo ai visitatori di trovare facilmente la solitudine tra la foresta fitta e spesso nebbiosa. È consigliabile assumere una guida se desideri fare un trekking più lungo. Sebbene l'area sia stata bonificata due volte da quando i Khmer Rossi si sono arresi, è altamente raccomandato di rimanere sui sentieri come precauzione.

Sebbene molti siano attratti da Bokor per la sua bellezza naturale, ci sono alcune affascinanti reliquie dell'occupazione francese, di solito indicate come il casinò e la chiesa. Il guscio in cemento abbandonato del casinò era precedentemente noto come Le Bokor Palace Hotel and Casino, costruito nel 1925 (la chiesa cattolica meglio conservata fu anche costruita durante questo periodo). Entrambe le strutture sono state utilizzate come ripari per i soldati vietnamiti e dei Khmer rossi, e continuano a sopportare fori di proiettili e cicatrici dal conflitto. Altri punti salienti di Bokor includono la nebbiosa cascata di Popokvil, le formazioni rocciose ultraterrene conosciute come 100 campi di riso e la carrozzina di Wat Sampov.

Dove Mangiare: Dopo una giornata faticosa ma gratificante per esplorare Bokor, concediti una cena all'Atelier, un bistrot alla moda che propone piatti innovativi che combinano sapori cambogiani e internazionali.

9 ° giorno: fai una gita di un giorno a Kep (e trascorri la notte a Kampot).

Isola dei conigli; Lars Olsen / Flickr

Isola dei conigli; Lars Olsen / Flickr

La provincia costiera di Kep si trova a soli 15 miglia dal centro di Kampot, rendendola una facile gita di un giorno in tuk-tuk o in moto. Questa località balneare fu un ex rifugio per l'élite francese e cambogiana fino alla fine dell'occupazione francese nel 1953 e il colpo di stato di Lon Nol nel 1970. Molte di queste reliquie, come l'hotel Kep-Sur-Mer, si trovano in un pittoresco decadimento con vegetazione lentamente reclamando il paesaggio. Ci sarà tempo per esplorare queste rovine nel pomeriggio, ma prima, prendi una barca da pesca dal molo a Rabbit Island. Non c'è molto qui oltre a pochi ristoranti e una fila di sedie a sdraio sulla spiaggia principale, ma nuotare nell'acqua calda e conoscere il branco di cani da spiaggia pigri è il modo ideale per trascorrere una giornata tranquilla. Le barche inizieranno a fare il viaggio di 20 minuti nel pomeriggio – ti consigliamo di fare una gita in anticipo, in modo da avere il tempo di esplorare il mercato del pesce di Kep. Qui i pescatori stendono il pescato del giorno mentre i venditori grigliano calamari, razze e altre creature meno riconoscibili nelle loro bancarelle sul lungomare. Per coloro che non hanno il coraggio di sgranocchiare la loro cena, molti ristoranti nelle vicinanze preparano anche piatti khmer e piatti di pesce occidentali.

Dove Mangiare : Se non hai fatto il pieno di pesce fresco, fermati al Club Nautico progettato in modo elegante per un pasto delizioso e una vista al tramonto sul Golfo della Thailandia.

10 ° giorno: ritorno a Phnom Penh.

Mercato centrale; Thanate Tan / flickr

Mercato centrale; Thanate Tan / flickr

Fai il viaggio di ritorno in autobus di tre ore verso la capitale, dove puoi prendere un volo in coincidenza o estendere il tuo viaggio nel sud-est asiatico verso destinazioni vicine come Kuala Lumpur, Bangkok o Ho Chi Minh City.

Ti piacerà anche: