Non farti prendere dal panico! L'alga caraibica di quest'anno potrebbe non essere così orribile

Buone notizie per le alghe-fobiche - l'alga caraibica non può rovinare la tua vacanza al mare quest'anno, dopo tutto. L'anno scorso ha visto un volume da record di alghe nei Caraibi e stuoie di sargassum lavate sulle spiagge di tutta la regione - (comprensibilmente) estrapolando molti viaggiatori. A gennaio abbiamo riferito che le cose non andavano molto meglio per il 2016, ma abbiamo parlato nuovamente con Chuanmin Hu, un professore di oceanografia ottica presso l'Università del Sud della Florida, per ottenere una prognosi aggiornata. Siamo felici di dire che le immagini satellitari hanno mostrato pochissime alghe per febbraio e marzo.

"Ne vedo alcuni, ma sicuramente non così male come l'anno scorso negli ultimi due mesi: siamo già a metà aprile ed è stato tranquillo, e l'acqua è stata abbastanza pulita in tutti i Caraibi", dice Hu. Sembra sicuro assumere che i viaggiatori non vedranno ricominciare i livelli di alghe del 2015. "In questo momento un anno fa, in tutto il West Atlantico centrale e in alcuni dei Caraibi, era già pieno di sargassi: quest'anno potrebbero esserci ancora alcuni eventi di beach sargassum, ma non sarà così male come l'anno scorso. "

Quindi, se hai pensato di cancellare il tuo viaggio caraibico per paura di alghe maleodoranti che rovinano la tua spiaggia bianca incontaminata, potresti voler riconsiderare. Tuttavia, è importante notare che prevedere la crescita e l'arenamento delle alghe è molto diverso da una previsione meteorologica e meno precisa; Hu può solo confrontare le immagini satellitari con gli anni precedenti e fare delle stime. Quindi, anche se le cose sembrano promettenti, le alghe possono ancora essere alquanto imprevedibili. "Si sa poco del loro tasso di crescita, di come la circolazione dell'acqua spinge [i tappetini di sargassum] in giro, di come vengono dissipati, tutte queste domande fondamentali non hanno ancora avuto risposta", dice Hu.

Ad esempio, nel 2014, l'acqua è sembrata piuttosto pulita fino alla fine di aprile - ma quell'anno ha visto cinque o sei volte più alghe rispetto al 2010 o qualsiasi anno prima. Anche se il 2015 ha visto 20 volte più alghe del 2010, il volume di alghe del 2014 era ancora più di quanto molti viaggiatori possano apprezzare. "Aprile [era] il mese di transizione negli anni precedenti", dice Hu. "Quindi forse il mese prossimo potremmo avere una risposta migliore per questo."

Molte località, da parte loro, si stanno preparando a fare il possibile per impedire alle alghe di interrompere i soggiorni dei loro ospiti. Hilde Rodriguez, assistente esecutiva di Secrets Silversands Riviera Cancun , afferma che, se necessario, il resort "aumenterà il personale addetto alla pulizia e alla manutenzione dell'area della spiaggia" e "enfatizzerà le diverse attività disponibili nella proprietà".

Hotels in this story

Potrebbe piacerti anche: