La plastica sta uccidendo i nostri oceani. Come sta combattendo il mondo?

edwardhblake / Flickr

edwardhblake / Flickr

Immagina cieli azzurri, sabbia bianca e incontaminata, il rumore del mare che si infrange e il richiamo di un gabbiano sopra la testa. Le immagini di una giornata da spiaggia perfetta sono così radicate nella nostra coscienza culturale che metterle in stampa è quasi inutile. Ma sfortunatamente, in molte parti del mondo, questa scena serena sta rapidamente diventando qualcosa di un lontano ricordo. Di recente, sempre più spiagge in tutto il mondo, dalla Repubblica Dominicana alle Filippine a Bali, vengono colpite da cumuli di spazzatura. Di seguito, abbiamo dato un'occhiata a quanta inquinamento esiste negli oceani del mondo e come varie organizzazioni stanno combattendo il problema.


Quanto sono inquinati gli oceani e i mari del mondo?

Ingrid Taylar / Flickr

Ingrid Taylar / Flickr

Secondo un rapporto del 2018 del World Wide Fund for Nature (WWF) la plastica costituisce il 60-95% dell'inquinamento oceanico mondiale. Di questo, stimano che l'80 percento provenga da fonti di terra e si raccolga in laghi, fiumi, corsi d'acqua interni, oceani, porti turistici, porti, porti e spiagge. A partire dal 2015, i ricercatori hanno determinato che gli umani hanno creato 9,1 miliardi di tonnellate di plastica dalla metà del 20 ° secolo. È all'incirca l'equivalente di quasi 250 milioni di rimorchi di trattori caricati o di oltre 1,8 miliardi di elefanti maschi adulti di taglia media.

E mentre non è visibile dalla costa, molti degli oceani del mondo ospitano enormi campi di plastica galleggiante che devastano gli ecosistemi acquatici. Oprah ha reso famoso il Great Pacific Garbage Patch nel 2009, ma attualmente ci sono cinque patch di questo tipo in tutto il mondo. In effetti, il Great Pacific Garbage Patch consiste in due enormi distese di rifiuti di plastica che si sono coalizzati in una massa tossica che distrugge la vita. Un articolo del 2018 pubblicato su Nature ha rivelato che il Great Pacific Garbage Patch si estende su oltre 600.000 miglia quadrate della superficie dell'oceano. In altre parole, ha all'incirca le stesse dimensioni di Francia, Spagna, Germania e Regno Unito, o solo un po 'più piccola dell'Alaska.

Trasformare i rifiuti in denaro e portarlo fuori dall'oceano

Il fondatore di Ocean Cleanup con i progetti di sistema / Courtesy of The Ocean Cleanup

Il fondatore di Ocean Cleanup con i progetti di sistema / Courtesy of The Ocean Cleanup

In un'epoca in cui le cose sembrano danneggiate irreparabilmente, la tentazione di ignorare questo problema può essere seducente. Fortunatamente, ci sono diversi gruppi là fuori che fanno il lavoro per mitigare l'inquinamento oceanico a diversi livelli. Quando abbiamo parlato con The Ocean Cleanup , un'azienda impegnata nello sviluppo di sistemi tecnologicamente avanzati per la pulizia di immondizie oceaniche, ci hanno detto che non c'è molto tempo da perdere. "Ogni anno, milioni di tonnellate di plastica … si spostano in grandi sistemi di correnti oceaniche circolanti, conosciute anche come vortici", ha detto un portavoce dell'azienda. "Una volta intrappolato in un vortice, la plastica si frantumerà in microplastiche e diventerà più facile scambiare il cibo con la vita marina: la plastica entra così nella catena alimentare – una catena alimentare che include noi umani".

Con il Great Pacific Garbage Patch che continua a crescere, è difficile comprendere come possiamo intraprendere qualsiasi progetto con una portata abbastanza ampia da ridurre il problema. The Ocean Cleanup è stato fondato nel 2013 da uno studente di 16 anni di nome Boyan Slat. Dopo aver incontrato l'inquinamento durante una gita subacquea nel Mar Mediterraneo, Slat ha deciso di realizzare l'idea ingannevolmente semplice di portare la plastica fuori dall'oceano su larga scala. Questo pensiero iniziale si trasformò in un'iniziativa a pieno titolo con piani per ridurre il numero di rifiuti entro il 2025.

Quindi, come funziona? Secondo la fonte di The Ocean Cleanup, il sistema 001 – che verrà installato a settembre 2018 – è un "sistema di 600 metri con un diametro di quattro piedi. Dopo una prova di 14 giorni, 240 miglia nautiche al largo, il sistema sarà o rimorchiati al Great Pacific Garbage Patch o tornano a riva per modifiche minori. " Il sistema consiste essenzialmente in una boa spessa e allungata che raccoglie la spazzatura galleggiante. Quando abbiamo chiesto l'obiettivo finale, The Ocean Cleanup ha risposto: "Il piano è di raggiungere l'intera flotta di 60 sistemi entro il 2020, con l'aiuto della sponsorizzazione aziendale". La sponsorizzazione aziendale viene compensata con un piano per riciclare le materie plastiche una volta portate a terra. "Dopo che il primo sistema ha avuto successo, le entrate ottenute riciclando e rivendendo la plastica estratta dal North Pacific Gyre alle aziende B2C contribuiranno a finanziare l'espansione dei nostri sforzi di pulizia verso gli altri quattro gyres", ha detto la fonte.

Anche se questo può sembrare che affronta solo il sintomo e non il problema, la speranza di Ocean Cleanup è che, commettendo la plastica raccolta in beni più durevoli, al contrario degli oggetti monouso, le abitudini di uso della plastica cambieranno. "La plastica è un materiale incredibilmente versatile e resistente", ha affermato il portavoce. "Quando ricicliamo la plastica dell'oceano, stiamo cercando di collaborare con le aziende B2C che producono prodotti durevoli: questi prodotti durevoli hanno meno rischi di finire nell'oceano rispetto ai beni di consumo in rapida evoluzione che vengono spesso utilizzati una sola volta e gettati via".

Mobilitare le comunità e sviluppare strategie legislative

Pulizia della spiaggia / Cortesia della Fondazione Surfrider

Pulizia della spiaggia / Cortesia della Fondazione Surfrider

La Surfrider Foundation , uno dei principali gruppi di difesa per mare e oceano negli Stati Uniti, ha radici altrettanto umili. Secondo Melissa Mefford, responsabile delle comunicazioni per l'organizzazione, "Più di 30 anni fa, tre surfisti – Glenn Hening, Lance Carson e Tom Pratte – erano preoccupati per le minacce ambientali rappresentate dall'escalation dello sviluppo costiero e dell'inquinamento nella loro pausa surf preferita a Malibu, in California. " Da lì, la non-profit è cresciuta in modo esponenziale e comprende 160 capitoli guidati da volontari e circoli studenteschi, oltre a 50 membri dello staff.

La Surfrider Foundation funziona su più livelli, dai cittadini di tutti i giorni che fanno volontariato nelle pulizie in spiaggia a sfruttare interessi commerciali per ottenere vittorie legislative. Abbiamo anche parlato con Peter Stauffer, direttore ambientale dell'organizzazione, che ha evidenziato le principali vittorie recenti di Surfrider. "L'anno scorso abbiamo protetto i finanziamenti federali per la legge BEACH, che supporta il monitoraggio della qualità delle acque nelle spiagge di tutto il paese", ha affermato. Ma il loro attivismo non si ferma qui. "Un'altra priorità in questo momento è l'arresto di nuove trivellazioni offshore", ha detto Stauffer. "C'è una proposta sul tavolo per espandere le trivellazioni offshore al 90% delle acque statunitensi, [che] al momento si limita al Golfo del Messico. Siamo andati a Washington, DC, nel febbraio 2018 con 100 membri del capitolo e dirigenti di tutto il mondo il paese si incontra con il Dipartimento di Interior's Bureau of Ocean Energy Management, e altri, consegnando tavole da surf firmate da più di 100 aziende che si oppongono alla trivellazione offshore. "

Il punto di Stauffer è semplice: combattere il disprezzo delle aziende per l'ambiente dimostrando quanto sia dipendente l'economia statunitense dai suoi oceani e dalle sue spiagge. "Oltre alle attuali iniziative di base, ci stiamo concentrando anche sull'impatto delle imprese costiere legate al turismo costiero e al largo", ha rivelato Stauffer. "Queste aziende generano oltre $ 100 miliardi all'anno". Solo nel 2018, la Surfrider Foundation ha contribuito a far approvare 20 leggi contro l'inquinamento plastico negli Stati Uniti, iscrivendo oltre 300 aziende nel suo programma Ocean-Friendly Restaurants, che premia le aziende per pratiche ecocompatibili, dalla sostenibilità al minor ricorso al singolo -utilizzare la plastica A livello locale, Surfrider ci ha detto che nel 2017, 25.000 volontari hanno rimosso 145.000 chili di plastica nelle loro pulizie in spiaggia.

Apportare modifiche a un livello personale

https://www.instagram.com/p/BluZdg6h0tT

Non importa con chi abbiamo parlato, il messaggio è rimasto lo stesso: il nostro comportamento è molto legato al fatto che i nostri oceani sopravviveranno o no. Ciò include il modo in cui gestiamo le materie plastiche monouso e in quale momento scegliamo di impegnarci con gli sforzi di conservazione, sia che si tratti di acquistare beni fatti solo con materie plastiche riciclate o di partecipare a pulizie in spiaggia con Surfrider.

Recentemente abbiamo parlato con Danny Ray Cuhen, un gestore di contenuti digitali che vive a New York, che ci ha raccontato del suo tempo trascorso a documentare programmi di pulizia della plastica a Bali, un'isola che sta lottando sotto il peso di uno sviluppo turistico incontrollato e dell'inquinamento oceanico. "Sono stato coinvolto in Make a Change World attraverso la mia amicizia con il fondatore, Gary Bencheghib, che ho incontrato nella scuola di cinema nel 2014", ha affermato Cuhen. "Aveva fatto una mostra qui negli Stati Uniti con un'altra squadra, dove scesero il Mississippi su una zattera fatta di legno riciclato e bottiglie di plastica, che lo ispirarono a fare il suo lavoro in giro per il mondo. che è dove è cresciuto, per concentrarsi su Make a Change World . Mi ha contattato per andare a Bali a fare foto e video mentre andava in giro e ha raccolto dati su quanta spazzatura si stava accumulando sulle [spiagge dell'isola]. " Make a Change World utilizza brevi video per dare voce umana alla lotta locale contro l'accumulo di plastica monouso lungo le spiagge di Bali e nelle acque circostanti.

È interessante notare che la stessa esperienza di Cuhen nelle strade meno che incontaminate di New York ha reso l'esperienza più stonata, piuttosto che diminuirne l'effetto. "Vivere a New York, mi trovo di fronte a rifiuti ogni giorno, e sono quasi diventato immune da esso", ha detto. "Tuttavia, essere in paradiso e vedere mucchi di spazzatura – non solo sulle spiagge, ma anche nei fiumi e nell'oceano – è stato straziante, è stata una dualità molto visiva degli effetti che la nostra impronta di carbonio sta avendo sul mondo."

Ti piacerà anche: