Come trascorrere i 3 giorni perfetti a Istanbul

A cavallo di due continenti attraverso lo stretto del Bosforo, Istanbul è stata per anni un centro culturale e commerciale vivace. La città ha subito il dominio di imperi greci, romani, latini e ottomani, con numerosi assedi nel corso della sua storia. La ricca abbondanza di monumenti e architetture della città testimoniano queste influenze nel tempo. Considerando le sue dimensioni e la ricchezza di attrazioni, raccomandiamo un minimo di tre giorni per esplorare la città sulle Sette Colline, anche se un soggiorno più lungo è garantito, se possibile. Per sfruttare al massimo il tuo viaggio a Istanbul, continua a leggere per il nostro itinerario di tre giorni, progettato per accogliere la maggior parte delle diverse offerte della città.


Dove alloggiare a Istanbul

Four Seasons Hotel Istanbul a Sultanahmet

Four Seasons Hotel Istanbul a Sultanahmet

Un lussuoso hotel boutique, il Four Seasons at Sultanahmet combina l'arredamento contemporaneo con i resti dei suoi primi giorni come prigione. Dopo una giornata intera di attraversamento delle strade di ciottoli della città, gli ospiti possono ammirare la Basilica di Santa Sofia e la Moschea Blu dal comfort del bar sul tetto.

Il Dersaadet Hotel Istanbul offre comfort e viste sul Mar di Marmara in un'affascinante locanda in stile ottomano. La proprietà è a pochi passi da Piazza Sultanahmet e altre attrazioni storiche, ma è convenientemente situata in una tranquilla strada laterale lontano dalla folla.

Situato nella vivace Besiktas, il W Istanbul è l'ideale per dedicarsi alla vita notturna di Istanbul. La struttura ospita anche un nightclub, il W Lounge, che ospita DJ internazionali e serve cocktail d'autore con i suoi interni raffinati. Strette stradine piene di caffè e bar circondano la W, mentre i traghetti partono dal vicino lungomare per raggiungere il comune di Usküdar nella parte asiatica della città.

1 ° giorno: Piazza Sultanahmet, Hagia Sophia, la Moschea Blu e il Palazzo Topkapi

Moschea Blu a Istanbul

Moschea Blu a Istanbul

Immergiti nella ricca storia di Istanbul passeggiando per la Città Vecchia. Inizia con una passeggiata attraverso la piazza Sultanahmet, che fungeva da principale arteria di Costantinopoli. Molti dei siti più famosi di Istanbul si affacciano sulla piazza, in particolare la Basilica di Santa Sofia. L'antica chiesa greco-ortodossa fu trasformata in una moschea ottomana durante il 1400. Oggi, la massiccia e decorata struttura è stata secolarizzata e funge da museo. All'interno, magnifici mosaici allineano le pareti della galleria, così come i pannelli calligrafici e altri capolavori. Considerare di visitare quando il museo apre alle 9 del mattino per evitare la folla e le visite di gruppo.

Successivamente, fai una breve passeggiata a sud verso la Moschea Sultan Ahmed, comunemente chiamata la Moschea Blu. Il soprannome deriva dalle brillanti piastrelle blu, che rivestono l'interno della moschea. La moschea è composta da sei minareti, un enorme cortile e cupole a cascata, per un totale di cinque cupole principali e otto cupole secondarie. Catturare l'intera bellezza della moschea in una fotografia è una sfida, ma il cortile principale offre un eccellente punto di vista dei minareti e delle cupole. A differenza della Hagia Sofia, la Moschea Blu rimane un fiorente luogo di culto. La moschea si chiude ai visitatori per 90 minuti ad ogni chiamata alla preghiera, che avviene sei volte al giorno da prima dell'alba al tramonto. Tempo di visitare di conseguenza, e vestire in modo appropriato coprendo spalle e gambe, così come i capelli per le donne.

Se possibile, spremi in una visita al Palazzo Topkapi, dove i sultani ottomani visse e mantenne la corte per circa 400 anni. Oggi, il lussuoso complesso del palazzo funziona come un museo. I visitatori passano attraverso le porte successive ad ogni tribunale. Le corti più interne erano la residenza privata dei sultani. Abiti e divise imperiali, ritratti di 36 sultani, piastrelle decorate e una ricchezza di gioielli sono esposti in varie camere. Vale sicuramente la pena il biglietto extra per entrare nell'Harem, a cui si accede sotto la Torre di Giustizia. Qui i sultani conservavano fino a 300 concubine, che erano difese dalle guardie eunuchi. Altre sale degne di nota comprendono la sala della circoncisione e la camera privata di Murad III, nota per la sua opulenta fontana di marmo.

Dove Mangiare : Per una vasta gamma di scelte di kebab e splendide viste panoramiche, dirigetevi verso Hamdi, una struttura a più piani di Eminönü. Situata sul lato nord della Città Vecchia, la terrazza dell'Hamdi si affaccia sul Corno d'Oro e sul vicino quartiere di Galata. Un'opzione più casual, ma relativamente deliziosa, attende al molo Eminönü. Balik ekmek, che significa sandwich di pesce, è venduto direttamente da barche di legno decorati in modo sgargiante ed è molto popolare tra la gente del posto.

2 ° giorno: Arte e shopping a Beyoglu, Piazza Taksim, Parco Gezi

Torre di Galata; Harold Litwiler / Flickr

Torre di Galata; Harold Litwiler / Flickr

Avventurati al di fuori della città vecchia e attraverso il Corno d'oro fino a Beyoglu, noto per il suo fiorente ristorante, bar e scena artistica. C'è ancora un sacco di fascino storico da includere. Ad esempio, la medievale Torre Galata offre una vista panoramica della città e dei corsi d'acqua circostanti. Continua a nord nel cuore di Beyoglu per dare un'occhiata alle offerte di arte contemporanea di Istanbul. Attualmente, due dei principali spazi artistici di Istanbul, Istanbul Modern e Arter, sono in fase di ristrutturazione e trasferimento. La collezione di Istanbul Modern è temporaneamente esposta a Beyoglu mentre la sua struttura in stile magazzino è restaurata sul lungomare di Karaköy. Allo stesso modo, Arter lascia la sua residenza lungo la principale via dello shopping di Istanbul, Istiklal Caddesi, per una nuova location nel nord di Beyoglu, che sarà inaugurata a settembre 2019. Entrambi i luoghi mostrano i progetti più all'avanguardia della Turchia, con mostre rotanti di artisti turchi e internazionali .

Continuate fino a Istiklal Caddesi a piedi o saltate sul tranquillo tram rosso. La strada è piena e allineata con quasi tutti i marchi internazionali che si possano immaginare, quindi tieni d'occhio boutique e caffè nascosti lungo le strade laterali e i vicoli. Il Beyoglu Balik Pazari, o mercato del pesce, merita una sosta per cozze fritte, carne allo spiedo, altri deliziosi spuntini. Per uno shopping più approfondito, assicurati di controllare i venditori di antiquariato lungo Çukurcuma Caddesi e le boutique indipendenti di Serdar-Ek Ekrem a Galata. Alla fine, Istiklal Caddesi si fonde con Taksim Square e Gezi Park, dove 50 ambientalisti si sono presentati nel 2013 per protestare contro lo sviluppo di un nuovo centro commerciale prima di scoppiare in rivolte in tutto il paese. C'è ancora una presenza di polizia notevole qui, ma la piazza e il parco adiacente rimangono luoghi popolari per la gente del posto per socializzare prima di notte.

Dove Mangiare: Mentre ti trovi nelle vicinanze, dirigiti a est verso Besiktas. Prova Alancha per piatti tradizionali turchi in un ambiente moderno e chic. Il menu degustazione serve una vasta gamma di piatti provenienti da tutte e sette le regioni dell'Anatolia. Successivamente, passeggia lungo le strade tortuose di Besiktas fino alla costa del Bosforo. Qui incontrerai lo splendido Palazzo Dolmabahçe.

3 ° giorno: Grand Bazaar, Basilica Cisterna e Hammam

Gran Bazar di Istanbul

Gran Bazar di Istanbul

Inizia in anticipo e raggiungi il Gran Bazar di Istanbul nel quartiere di Fatih. Questo vivace complesso di mercato, che risale al 15 ° secolo, ha 18 ingressi e comprende oltre 4.000 bancarelle che vendono di tutto, dalle delizie turche ai gioielli e alle arti artigianali. Naviga tra gli stretti passaggi, contratta i prezzi e concediti tutto il tempo per perderti e fermarti per caffè e baklava turco.

Quindi, fuggi dal caldo di mezzogiorno e scendi nelle profondità sotterranee di Istanbul nella Basilica Cisterna. Costruita nel 532 d.C., la cisterna originariamente conservava l'acqua per il Gran Palazzo e la Basilica Stoa fino a quando gli imperatori bizantini si trasferirono altrove. Circa 1.000 anni dopo, la cisterna fu riscoperta dai residenti locali e cadde in disuso fino alla sua ristrutturazione nel 1985. Oggi, i visitatori possono attraversare passerelle di legno sollevate oltre 336 colonne – molte delle quali sono state rimesse dalle rovine del tempio.

Dopo due giorni consecutivi di attraversare Istanbul a piedi, un po 'di sollievo è ben meritato. Per rilassare la via turca, cerca un hammam (un bagno turco) a vapore e immergiti nel dolore. Çemberlitas Hamami è attiva dal 1584 nei pressi del Grand Bazaar. I servizi includono la sauna e uno scrub o un massaggio a pagamento. È obbligatorio che uomini e donne entrino in sezioni separate.

Dove mangiare: per chiudere un soggiorno di tre giorni occupato e memorabile ad Istanbul, fare una crociera al tramonto sul Bosforo prima di tornare per cena a terra. Avere una festa mezze a Istanbul è d'obbligo. Mezze costituisce un assortimento di piatti tradizionali, come melanzane grigliate, foglie di vite ripiene, pesce affumicato, calamari e molto altro. Situato nel quartiere di Kabatas, il Meze By Lemon Tree adatta il suo menù agli ingredienti locali stagionali e promette un ambiente accogliente nel suo bistro a sette tavoli.

Per un soggiorno più lungo a Istanbul

Isole dei Principi; Vyacheslav Argenberg / Flickr

Isole dei Principi; Vyacheslav Argenberg / Flickr

Se il tuo itinerario lo consente, prendi in considerazione di passare un altro giorno o due a Istanbul e avventurarti in percorsi fuori dai sentieri battuti. Le vicine Isole dei Principi offrono uno sguardo indietro nel tempo alla Turchia preindustriale, dato che i veicoli a motore sono vietati sulle isole. A circa 12 miglia a sud-est della città, l'arcipelago è composto da nove isole nel Mar di Marmara. Le principali isole di Heybeliada e Büyükada sono raggiungibili in traghetto da Kabatas. Le isole sono lontane da una vacanza in spiaggia, ma gli affascinanti borghi marinari e il paesaggio boscoso ne fanno un luogo popolare per le vacanze estive per i residenti di Istanbul.

Di ritorno a Istanbul, trova il Museum of Innocence situato a sud del quartiere dello shopping di Istiklal a Çukurcuma. Questo museo unico prende il nome da un romanzo di finzione con lo stesso moniker. Nel romanzo, il protagonista si ritrova al museo (prima della sua creazione fisica) mentre intraprende una relazione con il suo lontano cugino più giovane. L'autore, Orhan Pamuk, ha aperto il museo nel 2011, a pochi anni dalla pubblicazione del libro. La mostra del museo comprende cimeli e oggetti in linea con la trama del romanzo, in mostra a Istanbul e negli anni '70 e '80.

Ti piacerà anche: