9 errori Rookie da evitare nelle Cinque Terre

Cinque Terre , che comprende cinque villaggi, è conosciuta in tutto il mondo per i suoi paesaggi mozzafiato e le escursioni epiche. Negli ultimi 20 anni, Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore si sono trasformati da sonnacchi villaggi di pescatori costruiti sulle scogliere a picco sul Mar Ligure verso alcune delle destinazioni turistiche più famose in Italia. Tutto l'interesse è grazie all'architettura dipinta a pastello, acqua blu brillante, taverne di pesce, e un parco nazionale di quasi 10.000 ettari con splendidi sentieri escursionistici. Le Cinque Terre riescono a combinare tutto ciò che i turisti amano per l'Italia con l'ulteriore vantaggio delle avventure in barca e in escursioni. Ma prima di presentarti in un aeroporto italiano, ci sono nove errori da principiante che dovresti evitare per poter sfruttare al massimo la tua visita alle Cinque Terre.

1. Portare una macchina.

Strada al  Ca 'de Baran  /Ostrica

Strada al Ca 'de Baran /Ostrica

È possibile, e anche abbastanza facile, guidare alle Cinque Terre da Pisa (un'ora e 50 minuti), Firenze (un'ora) o Genova (due ore). Ma avere una macchina una volta all'interno dei villaggi è proibita e costosa. Ad esempio, Manarola non consente auto all'interno del villaggio. Invece, c'è un parcheggio a pagamento appena fuori dall'entrata del villaggio. I costi del parcheggio sono di ora in ora e si sommano davvero, specialmente se hai intenzione di passare la notte. Ci sono alcuni posti liberi sulla strada dall'altra parte della strada rispetto al parcheggio, ma questi vengono rubati velocemente. Guidare tra i villaggi richiede la liquidazione su e giù per le montagne. Invece di fare affidamento su ruote private, prendi il treno. I cinque villaggi sono accessibili tramite un treno veloce che opera su un programma giornaliero e con cerniere su e giù per la costa, fermandosi in ogni villaggio – è solo a 20 minuti da Riomaggiore al più lontano villaggio di Monterosso al Mare. (La stessa distanza richiede quasi un'ora per coprire l'auto). I visitatori possono anche acquistare i biglietti per un traghetto, che è più lento del treno, ma molto più pittoresco. Camminare tra i villaggi è un'altra opzione popolare. Una volta che sei effettivamente all'interno di uno dei piccoli villaggi, camminare è il modo migliore (e veramente unico) per andare in giro.

2. Non effettuare prenotazioni per la cena.

Dovendo rispettare un orario di prenotazione per la cena può essere un trascinamento in vacanza. Tuttavia, le prenotazioni sono un obbligo nelle Cinque Terre, soprattutto nei mesi estivi. A causa dei vincoli di spazio, la maggior parte dei ristoranti è piuttosto piccola e la cucina preferisce operare in onde di posti. Certo, potresti essere fortunato se ti fai vedere al tramonto e la pasta al nero di seppia alla Billy's Taverna di Riomaggiore – i commensali di tanto in tanto non si fanno vedere per le loro prenotazioni – ma è più che probabile che tu venga respinto. Se sei preoccupato di chiamare un ristorante, chiedi semplicemente al personale dell'hotel di effettuare la chiamata a tuo nome o di effettuare la prenotazione di persona. E mentre siamo in tema, la maggior parte dei ristoranti sono aperti a pranzo, poi chiudono e aprono di nuovo per la cena verso le 19.00. La colazione in Italia solitamente consiste in pasticcini o focacce e caffè – tutto ciò che può essere acquistato in piccoli panifici.

3. Saltare un'escursione.

Sentiero escursionistico al Bed and Breakfast Il Vigneto / Oyster

Sentiero escursionistico al Bed and Breakfast Il Vigneto / Oyster

Anche se non ti consideri una persona sportiva, devi fare almeno una piccola escursione nelle Cinque Terre. La rete di sentieri che attraversa la regione è stata faticosamente fatta dai locali prima che i treni e l'autostrada fossero costruiti. Oggi è stato sviluppato per l'attrazione principale della zona. Il sentiero costiero collega tutti e cinque i villaggi (percorribili in circa sei ore), ma se questo è troppo impegnativo, ci sono opzioni. Il primo tratto dell'escursione è la parte più famosa del sentiero costiero. Ci vogliono solo 20 minuti ed è conosciuta come Via dell'Amore. Sezioni di questa galleria veloce escursione sotto le rocce a strapiombo e sporgersi verso il Mar Ligure mozzafiato. Un'opzione moderata è l'escursione da Monterosso al Mare a Vernazza. Questa escursione di due ore inizia con una ripida rampa di scale, poi uniforma i torrenti e le cantine passate, fino al declino nello splendido villaggio di Vernazza.

4. Indossare tacchi a spillo.

Le donne italiane sono famose per il loro glamour attento e le scelte di moda di fascia alta. Potrebbe essere allettante sperimentare con alcuni sguardi feroci, ma le Cinque Terre non sono Milano. I villaggi sono completamente verticali in alcune aree, le escursioni sono accidentate e il bordo dell'acqua è roccioso. Hai intenzione di volere calzature appropriate e indumenti traspiranti. Questo non vuol dire che non si può bambola per cena – gli italiani apprezzano un bel vestito – ma sicuramente lasciare i tacchi a spillo da quattro pollici a casa.

5. Sperando in una piscina.

Strada dell'Hotel Marina Piccola / Oyster

Strada dell'Hotel Marina Piccola / Oyster

Con poche eccezioni , non troverai una piscina nelle Cinque Terre. I villaggi verticali semplicemente non hanno lo spazio, e gli inverni freddi li rendono poco pratici per gran parte dell'anno. La buona notizia è che Monterosso al Mare ha due spiagge balneabili e ci sono scale che portano dalle rocce all'acqua su punti su e giù per la costa. Ricorda che nuotare è a tuo rischio, quindi fai attenzione.

6. Dimenticare un caricatore portatile.

C'è una foto perfetta quasi ovunque guardi alle Cinque Terre. Se vuoi un selfie di fronte agli edifici color caramello, un video di onde che si infrangono contro le scogliere, o uno scatto in posa con una fetta di pizza a base di pesce, questo è sicuramente un viaggio che farà saltare in aria il tuo feed di Instagram. Ecco perché è necessario mettere in valigia un caricabatterie portatile per il telefono e un adattatore per la ricarica dell'elettronica nella stanza d'albergo.

7. Ordinare spaghetti e polpette.

Dennis Matheson / Flickr

Dennis Matheson / Flickr

Gli americani tendono a pensare al cibo italiano come lasagne e spaghetti e polpette, e mentre entrambi questi prodotti sono deliziosi, probabilmente non li troverai nei menu delle Cinque Terre. Ma non preoccuparti, la regione è famosa per il pesto (grazie al fragrante basilico coltivato nella vicina Genova). Troverete anche pesce fresco ovunque, grazie alla posizione sul mare. I coni di frutti di mare fritti sono una vera delizia, con polpo impanato, calamari e gamberi fatti su ordinazione. E preparatevi a sperimentare con eccellenti vini di produzione locale che vengono esportati raramente fuori dall'Italia.

8. Mi aspettavo di fare acquisti.

Come abbiamo già detto, le Cinque Terre sono un luogo unico nel suo genere e non devono essere confuse con le città cosmopolite italiane come Roma o Milano. Se ti trovi nei villaggi in attesa di fare acquisti presso boutique di stilisti e negozi di pelletteria, rimarrai deluso. Questo non vuol dire che non c'è niente da comprare, ma abbassare le aspettative. Ci sono un sacco di negozi di souvenir per magliette, arte prodotta in serie, saponi fatti localmente e cartoline. Un'altra esperienza di shopping popolare è legata al cibo. Ci sono alcuni negozi specializzati che si concentrano su taglieri di produzione locale, pasta secca, frutta conservata e spezie. Riomaggiore ha un negozio di articoli sportivi per escursionisti che hanno bisogno di scarpe nuove o bastoncini da trekking.

9. Saltare il dessert.

Kristian Thy / Flickr

Kristian Thy / Flickr

Abbiamo una sola parola per te: gelato. Il gelato è agitato più lentamente del gelato, che fornisce un trattamento congelato più denso. Viene anche servito leggermente più caldo, quindi la consistenza è più setosa e una percentuale inferiore di grasso del latte consente agli ingredienti primari di brillare. I chioschi di gelateria sono onnipresenti in tutti e cinque i villaggi e i loro gusti vanno dallo standard, come il cioccolato fondente, all'inaspettato, come il lampone. È anche abbastanza economico, con un solo scoop che inizia intorno ai due euro.

Ti piacerà anche: