I più famosi hotel di Parigi

"Quando sogno l'aldilà in cielo", disse una volta Ernest Hemingway, "l'azione si svolge sempre al Ritz di Parigi". L'amata casa lontano da casa dello scrittore e i suoi colleghi palazzi parigini sono alcuni degli hotel più grandiosi del mondo, e molti sono leggendari come i patroni che erano devoti a loro. Di seguito, una lista degli hotel più famosi della Città della Luce.


Hotel Plaza Athenee

La Eiffel Suite all'Hotel Plaza Athenee / Oyster

La Eiffel Suite all'Hotel Plaza Athenee / Oyster

Porte aperte: 1913, lo stesso anno in cui il Woolworth Building aprì a New York City , la costruzione terminò sul Canale di Panama, e le scatole di Cracker Jack si riempirono di premi per la prima volta.

Ospiti degni di nota: Josephine Baker, Rudolph Valentino, Marlene Dietrich, Grace Kelly, Ava Gardner, Jacqueline Kennedy, Elizabeth Taylor e Richard Burton (residenti di Royal Suite mesi nel 1971).

Claims to Fame: è qui che Christian Dior ha mostrato la sua collezione di abiti inaugurali nel 1947. A sette decenni di distanza, l'hotel ospita il primo Dior Institut. Il centro benessere creme-de-la-crème è solo uno dei servizi di prima classe di Athenee , che comprende anche cinque ristoranti supervisionati dallo chef stellato Michelin Alain Ducasse e il romantico Jardin Jardin, il cortile interno di Athenee ricoperto di edera .

Ritz Paris

Ritz Paris / Oyster

Ritz Paris / Oyster

Porte aperte: Ritz Paris è stato un successo strepitoso fin dall'inizio. Tra i monarchi, i capi degli affari e i membri dell'alta società che si presentarono alla sua prima notte del 1898, Madame Ritz, la moglie del proprietario originale, gridò: "Sono venuti!" Un presunto oppositore: Oscar Wilde, che a quanto pare ha trovato l'elettricità che urta e si oppone al lavandino in camera (voleva che il suo lavabo non fosse visibile quando non era in uso).

Devoti famosi: Ernest Hemingway, Marcel Proust, Coco Chanel, Scott e Zelda Fitzgerald, Jean-Paul Sartre, Rudolph Valentino, John Barrymore, Ingrid Bergman, il re Alfonso di Spagna, il duca e la duchessa di Windsor, Noel Coward e Cole Porter, che ha scarabocchiato i testi ormai famosi, "Anche Pekingeses al Ritz lo fanno. Facciamolo, innamoriamoci", sedendo al suo tavolo preferito al bar Ritz.

Claims to Fame: il glamour intriso di Champagne e la leggenda del Ritz non possono essere esagerati. L'hotel – lo storico ritrovo di sultani, maharaja e re – ha da tempo raggiunto uno status di punto di riferimento culturale, con apparizioni in "Tender Is the Night" di Fitzgerald, "The Sun Also Rises" di Hemingway e, dopo decenni, un trio di film di Audrey Hepburn. Il Ritz ha anche chiesto il rispetto delle forze tedesche occupanti durante la seconda guerra mondiale, che hanno accettato di deporre le armi alla porta, di non indossare uniformi e di risiedere solo nella parte di Vendome, permettendo ai civili (come Mademoiselle Chanel) di rimanere sul lato di Rue Cambon. Nell'Imperial Suite dell'hotel, la principessa Diana ha avuto il suo ultimo pasto il 31 agosto 1997. (La Suite Imperiale è ora un monumento nazionale elencato.)

Il fondatore dell'hotel, Cesar Ritz, introdusse molte caratteristiche della stanza che all'epoca erano rivoluzionarie, e ora essenzialmente standard, compresi i bagni privati, i telefoni in camera, i letti king-size, la moquette da parete a parete e le luci automatiche dell'armadio. Dopo un episodio particolare che coinvolse il corpulento re Edoardo VII rimasto bloccato nella sua vasca da bagno, Cesar ordinò vasche da bagno extra-large per ogni stanza dell'hotel.

The Peninsula Paris

Ingresso al The Peninsula Paris / Oyster

Ingresso al The Peninsula Paris / Oyster

Apertura delle porte: poi l'Hotel Majestic, questa proprietà fu inaugurata per la prima volta nel 1908. La lunga storia dell'edificio è stata requisita dalle forze militari naziste (un tentativo di assassinare Hitler fu tracciato da una stanza al secondo piano), che fungeva da quartier generale per l'UNESCO, e ospitando la firma degli accordi di pace di Parigi, che pose fine alla guerra del Vietnam.

Ospiti degni di nota: Marcel Proust, Pablo Picasso, James Joyce, Igor Stravinsky, Sergei Diaghilev e George Gershwin, che ha scritto la musica per "Un americano a Parigi" all'hotel nel 1928.

Buono a sapersi: Il ristorante sul tetto della penisola , L'Oiseau Blanc, rende omaggio all'arena dell'aeronautica e agli assi di volo francesi della Prima Guerra Mondiale Charles Nungesser e Francois Coli, scomparso durante il tentativo del primo volo Parigi-New York nel 1927 (due settimane prima dello storico volo transatlantico di Charles Lindbergh). Una replica del biplano di Nungesser e Coli vive appena fuori dalle finestre panoramiche del ristorante, che si affacciano sui tetti parigini e sulla Torre Eiffel – alcune delle più belle viste di qualsiasi ristorante della città.

Le Meurice

Le 228 a Le Meurice / Oyster

Le 228 a Le Meurice / Oyster

Porte aperte: 1815, al suo indirizzo originale Rue Saint-Honore. Venti anni dopo, l'hotel si è trasferito nel suo attuale punto in Rue de Rivoli.

Ospiti degni di nota: Charles Dickens, Rudyard Kipling, Salvador Dali (l'artista è rimasto all'hotel un mese dell'anno per tre decenni), Pablo Picasso (che ha cenato qui), Ginger Rogers, Elizabeth Taylor e Richard Burton, Bette Midler e una sfilza di reali, politici e titani industriali.

Momento cruciale in una storia di 200 anni: era su una linea telefonica di Le Meurice che Adolf Hitler avrebbe dovuto gridare, "Parigi brucia?" La domanda era rivolta al generale Dietrich von Choltitz, un comandante tedesco con sede a Le Meurice durante l'occupazione nazista di Parigi. Hitler aveva ordinato a von Choltitz di distruggere la città in macerie, un comando che von Choltitz ha sfidato.

Le Royal Monceau-Raffles Parigi

Piscina al Royal Monceau-Raffles Paris / Oyster

Piscina al Royal Monceau-Raffles Paris / Oyster

Porte aperte: originariamente progettato dall'architetto Louis Duhayon, che fondeva stili neoclassici, haussmanniani e Art Nouveau, l'hotel ha aperto nel 1928 e divenne presto il luogo di soggiorno a Parigi.

Ospiti degni di nota: Walt Disney, Omar Sharif, Michael Jackson e Madonna.

Curiosità: dietro ogni angolo c'è un'interessante curiosità: una lettera di Jean Cocteau, una chitarra di proprietà di Jimi Hendrix. E in un hotel pieno di superlativi, non sorprende che due dei suoi ristoranti siano stati premiati con stelle Michelin (Il Carpaccio è l'unico ristorante italiano stellato Michelin della città) e il suo centro termale ospita la più lunga piscina coperta dell'hotel .

Shangri-La Hotel Parigi

Ingresso allo Shangri-La Hotel Paris / Oyster

Ingresso allo Shangri-La Hotel Paris / Oyster

Porte aperte: Il palazzo del 1896 del principe Roland Bonaparte, pronipote di Napoleone Bonaparte, nel 2010 aprì l'avamposto parigino del marchio Shangri-La.

Celeb Cred: Beyonce risiede in (e Instagrammed da) la Suite Shangri-La all'ultimo piano nella tappa parigina del suo Formation World Tour nel 2016.

Rivendicazioni: Molti aspetti dell'hotel sono monumenti storici , tra cui la facciata, il foyer, la grande scalinata in marmo e acciaio, diversi saloni del primo e del secondo piano e la Roland Suite. Dei tre ristoranti dell'hotel, due sono premiati dalla stella Michelin: il francese L'Abeille ha due stelle Michelin, mentre lo Shang Palace è l'unico ristorante cinese con stelle Michelin. Tuttavia, le vedute della porta d'ingresso dell'hotel sulla Torre Eiffel sono probabilmente la sua caratteristica più famosa. (Per inciso, il principe non amava l'icona in ferro battuto, aveva i suoi alloggi privati costruiti sul lato opposto dell'edificio, di fronte alla Senna e alla Torre Eiffel.)

Le Bristol Parigi

Fa-Raon, gatto birmano / Oyster di Le Bristol Paris

Fa-Raon, gatto birmano / Oyster di Le Bristol Paris

Porte aperte: 1925, al culmine dei ruggenti anni Venti.

Ospiti degni di nota: Marilyn Monroe, Grace Kelly, Ava Gardner, Rita Hayworth, Josephine Baker, Charlie Chaplin, Harry Truman, Gwyneth Paltrow, Robert De Niro e Prince, che, secondo la leggenda, una volta lasciarono l'hotel per esibirsi ad Amsterdam, dove si è appreso che la sua chitarra preferita era stata detenuta all'aeroporto Charles de Gaulle. Prince si è rifiutato di andare sul palco senza uno strumento specifico, ma il capo della direzione di Le Bristol ha tirato rapidamente delle corde ad alto rischio per far uscire la chitarra dalla dogana e consegnarla ad Amsterdam, prima che iniziasse lo spettacolo.

Ma forse l'ospite più famoso di tutti è Fa-Raon, il residente felino a tempo pieno di Le Bristol. Il soffice gatto birmano bianco di solito può essere notato sonnecchiando su una sedia di ingresso in stile Luigi XVI o Luigi XV o raggomitolato in giardino.

Crediti alla fama: davvero, ce ne sono troppi da elencare. Alcuni punti salienti: due ristoranti con stelle Michelin (tra cui l'Epicure a tre stelle Michelin), la regale spa La Prairie (l'unica a Parigi), una piscina attico di ispirazione oceanica (progettata dall'architetto dello yacht di Aristotele Onassis) e il solarium all'aperto di fronte al Sacre Coeur, un ruolo da protagonista nel film del 2011 "Midnight in Paris", e il prestigio di essere il primo hotel a ricevere la designazione "Palace", un onore conferito a superbi hotel da un'élite del turismo francese.

La Reserve Paris – Hotel e Spa

Vista dalla Premier Suite presso La Reserve Paris - Hotel and Spa / Oyster

Vista dalla Premier Suite presso La Reserve Paris – Hotel and Spa / Oyster

Porte aperte: ciò che è stato costruito nel 1854 come residenza per il fratellastro di Napoleone III, il duca di Morny, ha subito meticolosi restauri e ristrutturazioni per diventare, nel 2015, uno dei migliori hotel di lusso di Parigi. Gli appartamenti di Napoleone III al Louvre hanno ispirato gli interni favolosamente lussuosi e decorati di La Reserve (di Jacques Garcia, il designer responsabile del tema sensuale della "casa del divertimento" a Maison Souquet, di seguito). Grazie alla sua storia, design raffinato, servizio di guanti bianchi e altre qualifiche, La Reserve ha guadagnato la distinzione "Palace". Uno dei membri più recenti del club, La Reserve è molto più piccolo e più tranquillo dei suoi colleghi Palaces (Plaza Athenee, Le Bristol e Le Meurice tra loro), che tendono ad attirare non ospiti nei loro spazi pubblici a ooh e ahh oltre la loro grandezza

Caratteristiche favolose: Tutto ciò che riguarda La Réserve è progettato per sentirsi come una casa privata (ovvero la lussuosa casa privata di un bazillionaire francese), ma funziona come un hotel completo con le sue opulente, due stelle Michelin Le Il ristorante Gabriel, la Pagode de Cos in stile giardino, due bar glamour, un lussuoso centro termale sotterraneo e un servizio di auto di lusso per andare ovunque a Parigi. Le sue 40 camere e suite servite da maggiordomo presentano pareti rivestite in seta damascata, parquet in rovere a spina di pesce, tende di velluto, opere d'arte d'epoca e splendidi bagni in marmo di Carrara, mentre quelle ai piani superiori regalano viste sulla Torre Eiffel.

L'hotel

The Chic Room presso L'Hotel / Oyster

The Chic Room presso L'Hotel / Oyster

Porte aperte: Costruito nel 1828, l'edificio è stato aperto come L'Hotel nel 1967.

Ospiti degni di nota: Oscar Wilde visse nell'edificio fino alla sua morte nel 1900. Quando L'Hotel si aprì nel pieno degli anni sessanta, attrasse Jim Morrison, Salvador Dali, Frank Sinatra, Serge Gainsbourg e altri pesi massimi culturali.

Caratteristiche Fab: Sebbene abbia solo 20 camere (che lo rendono il più piccolo hotel a cinque perle di Parigi ), L'Hotel offre una piscina hammam simile a una grotta circondata da muri in pietra originali e il Le Restaurant premiato con la stella Michelin; le prenotazioni per la cena devono essere fatte con largo anticipo.

Hotel d'Aubusson

Ingresso all'Hotel d'Aubusson / Oyster

Ingresso all'Hotel d'Aubusson / Oyster

Storia di origine: l' Hotel d'Aubusson si trova in Rue Dauphine, una delle prime strade lineari di Parigi, costruita nel 1607 da Enrico IV. La residenza che ora ospita Aubusson risale al 1630. Nel cuore del quartiere latino bohemien, il quartiere sembra la vecchia Parigi, circondato da artisti, gallerie, ristoranti e negozi. Il ponte più antico di tutta la Senna, il Pont Neuf, si trova alla fine della strada, con il Louvre appena oltre l'acqua.

Ospiti degni di nota: il Cafe Laurent dell'hotel è stato un punto di riferimento letterario sin dal 1690, seducendo grandi filosofi e pensatori come Diderot, Voltaire e Rousseau. Seguendo generazioni di artisti e intellettuali riuniti qui, inclusi Jean-Paul Sartre, Albert Camus e Simone de Beauvoir negli anni '40. Fino ad oggi, Cafe Laurent ospita serate letterarie settimanali e jazz dal vivo diverse sere a settimana.

Hotel Barriere Le Fouquet's Paris

Ingresso all'Hotel Barriere Le Fouquet's Paris / Oyster

Ingresso all'Hotel Barriere Le Fouquet's Paris / Oyster

Apertura delle porte: l' Hotel Barriere Le Fouquet's Paris potrebbe essere stato aperto nel 2006, ma la sua leggendaria brasserie è stata fondata nel 1899.

Stato VIP: il celebre ristorante di Fouquet è stato il luogo in cui attori del 1930 come Marlene Dietrich hanno firmato contratti per film e hanno organizzato feste glamour. Altri fan erano Winston Churchill, il Duca e la Duchessa di Windsor, Orson Welles e James Joyce. Oggi, il ritrovo storico dell'industria cinematografica tiene eventi speciali annuali per i candidati dei Cesar Awards, la risposta francese agli Oscar.

Hotel des Saints-Peres – Esprit de France

La Chambre à la Fresque all'Hotel des Saints-Peres - Esprit de France / Oyster

La Chambre à la Fresque all'Hotel des Saints-Peres – Esprit de France / Oyster

Origini: Costruito nel 1658 dall'architetto capo di Luigi XIV, questa proprietà è diventata un hotel alla fine della prima guerra mondiale, ed è stata acquistata dall'esclusiva catena Espirit de France negli anni '80, quando i lavori di ristrutturazione hanno portato alla luce un magnifico affresco del XVII secolo che Da allora è stato attribuito alla scuola di Versailles.

Ospiti degni di nota: Hotel des Saints-Peres ha attirato una serie di artisti nel corso degli anni, tra cui i pittori Francis Bacon e Jean Dubuffet, la cantante Juliette Greco e, più recentemente, lo stilista Tom Ford.

Saint James Paris

Lobby a Saint James Paris / Oyster

Lobby a Saint James Paris / Oyster

Porte aperte: questa villa in stile neoclassico fu costruita nel 1892 per ospitare indigenti studiosi francesi e divenne il Saint James Club di Parigi quasi 100 anni dopo. Nel 2015, il castello delle fiabe è diventato un club / hotel ibrido per soli membri, dove i membri del club e gli ospiti dell'hotel hanno accesso alle strutture della struttura, tra cui l'opulento ristorante con stella Michelin, la Guerlain spa a tema marocchino e il centro fitness ispirato al club di scherma .

Ospiti degni di nota: Robert De Niro e il Dalai Lama.

Curiosità: l'unico chateau-hotel di Parigi, Saint James Paris è sul terreno del primo aerodromo della città. L'aerodromo ad aria calda del Secondo Impero è commemorato in tutto l'hotel, compreso il " lampadario del caos " della hall, 14 lampadari impilati che pendono dal soffitto alto 45 piedi della stanza e da un trio di tende da pranzo con palloncini Montgolfier nel privato dell'hotel giardino. L'arredamento eccentrico dell'hotel viene gentilmente offerto da Bambi Sloan, un famoso designer franco-americano noto per il suo stile inconfondibile.

Hotel Regina Louvre

Suite Eiffel Tower presso l' Hotel Regina Louvre / Oyster

Suite Eiffel Tower presso l' Hotel Regina Louvre / Oyster

Porte aperte: come il Grand Palais e il Petit Palais, l' Hotel Regina Louvre è stato costruito per l'esposizione di Parigi del 1900.

Claim to Fame: L'hotel si trova sul sito delle ex scuderie reali, dove diversi re francesi impararono a cavalcare. Poiché le stalle erano dall'altra parte della strada rispetto al palazzo (quindi al Louvre), l'hotel si trova a pochi passi dall'ormai famoso museo e Jardin des Tuileries. (Alcune camere hanno vista sul Louvre o sulla Torre Eiffel .)

Le Pavillon de la Reine

Strada al Pavillon de la Reine / Oyster

Strada al Pavillon de la Reine / Oyster

Porte aperte: Le Pavillon de la Reine si trova nascosto sulla Place de Vosges (a molti, la più bella piazza di Parigi), che è stato commissionato da Enrico IV e completato nel 1612. L'hotel risale allo stesso anno.

Ospiti degni di nota: luminari del XVI secolo come Jean de La Fontaine e Moliere preferivano Le Pavillon de la Reine come luogo di ritrovo. Flash-forward diversi secoli: le star di Hollywood Ben Affleck e Jennifer Garner hanno scelto l'hotel come base per una vacanza in famiglia nel 2016.

Hotel Scribe Paris Opera di Sofitel

Ingresso all'Hôtel Scribe Paris Opéra di Sofitel / Oyster

Ingresso all'Hôtel Scribe Paris Opéra di Sofitel / Oyster

Apertura delle porte: la facciata elegantemente decorata dell'Hotel Scribe – con le sue intricate inferriate in ferro battuto e gli ornamenti neoclassici – è opera del rinomato barone Haussmann. L'hotel è stato costruito nel 1861 come parte del nuovo quartiere dell'Opera e, sin dalla sua apertura, è diventato uno degli hotel più famosi di Parigi.

Ospiti degni di nota: Josephine Baker (che visse permanentemente in albergo fino alla fine degli anni '60), Marcel Proust e Jules Verne.

Claims to Fame: due anni dopo l'apertura, l'hotel è stato selezionato per ospitare il leggendario Jockey Club, il prestigioso club dell'alta società. Fu qui, nel 1895, che Louis e Auguste Lumiere presentarono la loro invenzione cinematografica – mostrando i primi film – entusiasmando la folla d'elite riunita nel Salon Indien di Hotel Scribe. Pochi mesi dopo, il fisico tedesco Wilhelm Conrad Rontgen introdusse i raggi X nel mondo (la sua invenzione gli avrebbe procurato il premio Nobel per la fisica cinque anni dopo). Durante la seconda guerra mondiale, il generale Dwight D. Eisenhower diede conferenze stampa all'hotel, poiché era usato come ufficio stampa per le forze alleate.

Hotel Lutetia

Hotel Lutetia / Oyster

Hotel Lutetia / Oyster

Porte aperte: Fondata dai grandi magazzini Le Bon Marche, questo capolavoro in stile Art Nouveau aperto sulla riva sinistra nel 1910.

Devoti degni di nota: Charles de Gaulle (che ha sposato la luna di miele qui come giovane ufficiale), Pablo Picasso, Peggy Guggenheim, Josephine Baker, James Joyce (parte di "Ulisse" è stata scritta all'hotel), Juliette Greco, Serge Gainsbourg e David Lynch.

Nel corso degli anni: come la penisola, Le Meurice e molti altri hotel in giro per la città, l' Hotel Lutetia fu conquistato dal comando nazista durante la seconda guerra mondiale. Dopo la liberazione di Parigi nel 1944, l'hotel fu utilizzato come un importante centro di rimpatrio per riunire le persone separate durante la guerra. Lutetia tornò presto alla sua vita da albergo di lusso, diventando un punto d'incontro per artisti e musicisti negli anni '50. All'inizio del 2014, l'hotel è stato chiuso per un rinnovo quadriennale di svariati milioni di dollari. Si riapre questo mese.

Maison Souquet

Spa presso Maison Souquet / Oyster

Spa presso Maison Souquet / Oyster

Porte aperte: nel 1905, Madame Souquet aprì una discreta maison vicino per intrattenere i membri d'élite dell'alta società parigina dopo le loro notti al Moulin Rouge. Due anni dopo, la proprietà è stata trasformata in un hotel convenzionale e oggi, la Maison Souquet , ottimamente ristrutturata, consente agli ospiti di rivivere la Belle Epoque.

Claim to Fame: al momento della stesura di questo articolo, Maison Souquet è l'hotel parigino più votato ai viaggiatori su TripAdvisor: un grande colpo di stato in una città con quasi 1.800 hotel in più. Anche se la petite proprietà ha solo 20 camere, non c'è da meravigliarsi del perché raggiungerebbe tale status. Gli interni decorati in stile Belle Epoque danno vita alla sensuale Parigi di fine secolo, il fantastico bar offre un menu creativo di cocktail e un'atmosfera seducente, mentre il bellissimo centro benessere sotterraneo ospita una piscina e un hammam privato.

Ti piacerà anche: