7 viaggi che hanno cambiato la nostra vita

Come celebrità, autore di libri di cucina, conduttore televisivo, viaggiatore del mondo, e il paroliere Anthony Bourdain una volta disse: "Il viaggio non è sempre carino. Non è sempre comodo. A volte fa male, ti spezza persino il cuore. Ma è ok. Il viaggio ti cambia; dovrebbe cambiarti. Lascia segni sulla tua memoria, sulla tua coscienza, sul tuo cuore e sul tuo corpo. Prendi qualcosa con te. Spero che tu lasci qualcosa di buono. "Con questo in mente, ti presentiamo i viaggi che hanno cambiato le nostre vite.

Giappone

Per gentile concessione di Laura Hinely

Per gentile concessione di Laura Hinely

"La primavera prima che finissi la scuola di specializzazione e mi trasferii a New York, andai in solitaria in Giappone e Corea del Sud . Dalla terraferma del Giappone, sono volato ad Okinawa, per nessun'altra ragione se non quella di vedere se potevo trovare la spiaggia in questa foto di mia madre e mia nonna degli anni '50. Mio nonno, che morì prima che io nascessi, era di stanza sull'isola e loro vissero lì per due anni. Ho assunto un autista – nessun linguaggio comune tra noi, ma ora un obiettivo comune. Abbiamo girato l'isola chiedendo ai locali se hanno riconosciuto il posto nella foto. La luce calò e il nostro tempo era quasi scaduto quando un militare americano in una bancarella di un hot dog lungo la strada lo riconobbe come un campeggio di R & R. L'abbiamo fatto mentre la giornata si è attenuata al tramonto, e lì mi trovavo sulla stessa spiaggia che mio nonno ha fatto 60 anni fa. " – Laura Hinely, Senior Photo Editor

Alaska

Joseph / Flickr

Joseph / Flickr

"Ero un amabile newyorkese che viveva per vendite di campioni, pedicure e serate al balletto quando mio padre insisteva per venire a trovarlo nella sua nuova casa – in Alaska . Era tutto ciò che non ero: un outdoorsman pronto a fare il duro per il fatto di essere circondato dalla natura. E ora voleva che io, sua figlia viziata, venissi con lui. Per due intere settimane. Pensavo che avrei trovato noiosa l'Alaska, ma quello che ho scoperto ha spostato qualcosa in me. La bellezza sbalorditiva del paesaggio ghiacciato dell'Alaska, la fauna che avevo visto solo in TV, i villaggi che erano piccoli punti su una mappa di infiniti sempreverdi – ispiravano una meraviglia infantile, anche nel mio cuore chiuso. Quando il mio apprezzamento è cresciuto, ho trovato un terreno comune con le persone che ho incontrato. Avevano lo stesso spirito da sballo di ogni ambizioso newyorkese che conoscevo e ammiravo il modo in cui erano determinati a reclamare un pezzo dell'Alaska per se stessi. Quando me ne sono andato, non ero lo stesso urbanita 'snob. Ho potuto vedere la bellezza e il romanticismo della vita dei pionieri, e ho portato con me un piccolo pezzo di quello che porto ancora oggi. " – Maria Teresa Hart, redattore esecutivo

Belize

Falco Ermert / Flickr

Falco Ermert / Flickr

"Quando sono andato in Belize nel 2012 per tre mesi come scrittore culturale in residenza per il Belize Tourism Board, ho avuto la fortuna di vivere l'intero paese da solo. Ogni giorno è stata un'avventura diversa, dalle tubature delle grotte ai tour privati delle rovine Maya per imparare come viene prodotta la famosa salsa piccante di Marie Sharp. Ma l'attività che ha davvero cambiato la mia vita stava diventando certificata subacquea attraverso PADI. Il processo ha richiesto una settimana e sicuramente testato il mio coraggio (ciao, prendendo una maschera da sub da 40 piedi sott'acqua), ma la prima volta ho preso fiato e sono arrivato faccia a faccia -con la brulicante barriera corallina mesoamericana di Belize, sapevo che la mia vita sarebbe stata diversa. Le immersioni subacquee mi hanno permesso di espandere il modo in cui vivo il mondo naturale, e da allora ho avuto incredibili immersioni con gli squali a Fernando de Noronha, in Brasile, e un'intensa immersione notturna bioluminescente a Palau. Un giorno, vorrei tornare in Belize e immergermi nella sua famosa Great Blue Hole. " – Megan Wood, Redattore

Manzanillo, Messico

Pepes Hideaway, Manzanillo / Oyster

Pepes Hideaway, Manzanillo / Oyster

"Mentre penso che ogni viaggio che ho fatto abbia avuto qualche effetto su di me, quello che ha cambiato la mia vita di più è stato un viaggio di lavoro da solista a Manzanillo, Messico . Questo è stato il mio primo viaggio internazionale da solista, rendendolo spaventoso, eccitante e decisamente difficile a volte. Viaggiare da solo in un paese in cui non parli fluentemente la lingua non è facile, e questo viaggio mi ha insegnato a fidarmi degli estranei, ad essere più estroverso e non a sudare le piccole cose. Ho incontrato delle persone meravigliose che volevano aiutarmi quando ne avevo bisogno e mostrare il loro paese d'origine, pur avendo acqua di cocco e ceviche freschi, e prendendo in consegna panorami mozzafiato . Da allora ho fatto diversi viaggi da solista, ma questo mi ha insegnato che c'è un bel mondo là fuori, con persone amichevoli che vogliono assicurarsi di amare la loro patria. Quindi, se stai pensando di dover viaggiare con qualcuno per godersi una vacanza, vai a Manzanillo e prenota un balcone con vista sull'oceano – dopo il tuo primo tramonto, capirai. " – Lara Grant, Redattore

India

Per gentile concessione di Kyle Valenta

Per gentile concessione di Kyle Valenta

"Non sono certo la prima persona a dire che andare in India ha cambiato la loro vita. E sì, ho preso i corsi di meditazione, acceso l'incenso, visitato i templi e toccato il Gange. Sono andato tre volte adesso e ho trascorso circa quattro mesi in totale attraversando il paese. Come ex tossicodipendente, amante di grandi città e qualcuno che non ha capito la loro relazione con il regno spirituale, c'è qualcosa nei contrasti tra il caos totale e le montagne silenziose, pubbliche e private, sacre e sfacciatamente superficiali che si uniscono in un modo che ti spinge così lontano da te stesso e così lontano in te stesso allo stesso tempo. Lo odi e lo ami, ma alla fine, questa è la cosa più onesta e più umana che tu possa mai provare. " – Kyle Valenta, Responsabile delle attività di content management

Nuova Zelanda

Nugget Point Queenstown Hotel / Oyster

Nugget Point Queenstown Hotel / Oyster

"Ho avuto la fortuna di andare in Nuova Zelanda per due settimane al college, e quasi ogni aspetto del viaggio ricade nel mio personale secchio che cambia la vita. Sto certamente pensando ai grandi classici del South Island, come fare escursioni su un ghiacciaio (attraverso una foresta pluviale, non meno) e fare kayak attorno a un fiordo. Ma onestamente, sono alcuni dei miei momenti più piccoli e meno drammatici sull'Isola del Nord che mi vengono in mente per primi quando penso al viaggio. Cercando di navigare su una spiaggia pelosa della West Coast e prendere per la prima volta un autostoppista non sono state escursioni pazze epiche, ma si sono ripresi che il mio io di vent'anni non si era fatto le ossa prima. " – Anne Olivia Bauso, editore

Road Trip negli Stati Uniti

Mobilus In Mobili / Flickr

Mobilus In Mobili / Flickr

"Il viaggio che ha cambiato la mia vita non è stato quello che ha avuto luogo in tutto il mondo, ma piuttosto proprio qui nel mio stesso cortile. Dopo aver idealizzato l'idea di viaggi in fuoristrada, abbiamo letto di romanzi, di orologi nei film e ascoltato canzoni, il mio fidanzato ora e ho tirato fuori una mappa e progettato un viaggio da costa a costa attraverso gli Stati Uniti, in vero stile Jack Kerouac. Dopo un mese, 35 stati, circa 7.000 miglia e migliaia di foto inestimabili, abbiamo visto il nostro paese in un modo completamente nuovo. Abbiamo assistito alla bellezza in piccole tasche del paese che non avevamo mai conosciuto esistendo e siamo incappati in gemme inaspettate (lo sapevi che avresti potuto nutrire gli alligatori dietro un negozio di antiquariato in Louisiana e vedere i presunti tracciati dei dinosauri in Arizona?). Le diverse attrazioni del paese sono state valorizzate solo dal suo colorato cast di personaggi. C'era il venditore di fertilizzanti in Idaho, che parlava appassionatamente del suo mestiere, il gruppo di Alabama, che fece di tutto per aiutarci quando furono persi, e il camionista del South Dakota, che condivideva storie sconvolgenti di vita sul strada. Essendo cresciuto in una grande città come New York, è stata un'occasione per vivere in prima persona l'America delle piccole città. Naturalmente, lanciando il nostro itinerario fuori dalla finestra e volando per la maggior parte del viaggio, siamo usciti dalla nostra zona di comfort, rotolati con i pugni, e abbiamo imparato a girare sfortunati contrattempi (come quella volta che siamo rimasti bloccati nella Death Valley nel estate) in buone storie – tre lezioni che ho portato con me in ogni viaggio che ho fatto da allora. " – Alisha Prakash, Editor

Ti piacerà anche: