Sicilia o Sardegna: qual è il posto migliore per le vacanze?

Centro Vacanze Isuledda in Sardegna

Centro Vacanze Isuledda in Sardegna

La Sicilia e la Sardegna sono le due isole più grandi del Mediterraneo, in quest'ordine. Entrambe sono parte dell'Italia ed entrambe sono destinazioni di vacanza popolari per gli italiani continentali e per i viaggiatori internazionali che desiderano spiagge bellissime, cibo delizioso e vino, affascinanti cittadine , siti archeologici e sole caldo. Tuttavia, per tutte le loro somiglianze, ci sono alcune differenze chiave tra la Sicilia e la Sardegna che potrebbero guidarti verso un'isola o l'altra. Accumuliamo i due testa a testa, in modo da poter determinare quale è giusto per la vostra vacanza sull'isola mediterranea.

Cultura in Sicilia e Sardegna

Vista dall'Hotel Ambasciatori a Palermo

Vista dall'Hotel Ambasciatori a Palermo

Sicilia: la Sicilia è un vero e proprio saccheggio di culture e civiltà. L'isola era la Times Square del mondo antico, attraversata da coloni, visitatori e invasori provenienti da tutta Europa, dal Nord Africa e dal Medio Oriente. Nel corso di molte migliaia di anni, l'isola è stata conquistata e governata dagli antichi greci, romani, vandali, bizantini, arabi, normanni, francesi, britannici e spagnoli, e ogni sovrano ha lasciato un segno indelebile sulla Sicilia – architettonicamente, gastronomicamente o in altro modo. Nella capitale di Palermo , puoi salire sul tetto della cattedrale principale – una meravigliosa torta a strati di stile normanno, moresco, gotico, barocco e neoclassico – prima di perdersi nel labirinto simile al souk del mercato di Ballaro . A Taormina , è possibile salire su un antico teatro greco-romano con vista sul mare e sull'Etna . E nella Valle dei Templari di Agrigento (patrimonio mondiale dell'UNESCO) e in altri luoghi della costa occidentale dell'isola, puoi vedere alcuni dei templi greci più incontaminati. In realtà, ci sono più templi greci sopravvissuti in Sicilia di quanti ce ne siano in Grecia.

Sardegna: è sicuro dire che la Sardegna non può competere con la Sicilia, dal punto di vista culturale. Ma la Sardegna non è culturale. La città sarda di Olbia era un porto marittimo importante nel Medioevo; oggi è possibile visitare la basilica di Olbia dell'XI secolo, un museo archeologico con antiche navi romane in mostra e rovine dei tempi dei Fenici e dei Cartaginesi. Il Duomo di Cagliari è una bella chiesa romanica risalente al 1200. La Sardegna ospita anche il sito archeologico del Nuraghe Palmavera, un complesso di torri in pietra, camere e passaggi costruiti nell'età del bronzo e del ferro.

Cibo in Sardegna e in Sicilia

Su Gologone Experience Hotel in Sardegna

Su Gologone Experience Hotel in Sardegna

Sicilia: quasi tutto ciò che riguarda la Sicilia si presta al fatto che è una delle migliori destinazioni gastronomiche del mondo. Un'isola vulcanica nel cuore del Mediterraneo, la Sicilia beneficia di un sole costante, di un fertile terreno lavico e di tre corpi d'acqua che pullulano di frutti di mare. Se è un albero, una pianta o una vite commestibile, i siciliani possono coltivarla: olive, mandorle, grano, limoni, arance, fichi, prugne, albicocche, pistacchi e pomodori prosperano in tutta l'isola. Non solo il clima e la geografia sono perfetti per coltivare il cibo, ma la Sicilia è anche il destinatario di secoli di influenze culturali. Molti piatti siciliani, come cous cous di pesce e involtini di pesce spada ripieni, hanno una piega araba o nordafricana. La quintessenza degli arancini siciliani di street food combina riso e zafferano, due ingredienti introdotti dagli arabi (gli arancini sono comunemente serviti con ragù di carne ripieni all'interno – un tocco francese). L'uvetta e i pinoli che sono protagonisti della classica pasta con le sarde erano entrambi noti in Sicilia, ma la combinazione è decisamente araba.

Sardegna: come la Sicilia, la Sardegna è un'isola nel Mediterraneo, quindi gode di un clima piacevole che la vegetazione come la melanzana e il carciofo non possono resistere e miglia di costa che portano frutti di mare come seppie, polpi, vongole, gamberi, aragoste e tonni . E come la Sicilia, la storia della Sardegna è piena di invasioni e di dominazioni straniere – anche i fenici, i cartaginesi, i romani, gli arabi e gli spagnoli hanno fatto il loro ingresso qui – ondeggiando la cucina in innumerevoli modi. Piatti popolari in Sardegna includono porcedu (allo spiedo maialino da latte), fregula (una pasta di semola couscous-come influenzato dal Nord Africa), e, nella città di Sassari , lumache (lumache farcite con una miscela di pecorino, prezzemolo, aglio, briciole di pane e vino bianco).

Vino in Sicilia e Sardegna

Quintocanto Hotel & Spa in Sicilia

Quintocanto Hotel & Spa in Sicilia

Sicilia: il suolo siciliano e il sole sono una manna per la vinificazione. I numerosi vigneti e le tenute vinicole dell'isola producono rossi e bianchi corposi, tra cui il fragrante Etna Rosso (ottimo con pesce spada, salmone, tonno o anche solo pasta con salsa di pomodoro); il dolce e caramellato Marsala; e il nero terroso d'Avola – una specialità della zona intorno a Noto e il più famoso dei vini siciliani. Le coppie amanti del vino possono prenotare due o tre notti ai Monaci delle Terre Nere , un agriturismo biologico sulle pendici dell'Etna che produce sei tipi di vino biologico. Il vulcano è la patria di molti fantastici produttori, sia di lunga data che emergenti, tra cui le migliori aziende vinicole Tenuta di Fessina e Fattorie Romeo del Castello.

Sardegna: la Sardegna è benedetta dallo stesso caldo sole mediterraneo della Sicilia, ma la sua identità vinicola è tutta sua. Il suo vino più famoso è il Cannonau, un Grenache profumato alle bacche prodotto in tutta l'isola. Seguendo le sue orme è il Vermentino fruttato-floreale (conosciuto in Piemonte come Favorita), un bianco fresco e leggero che si adatta perfettamente ai frutti di mare. Nel gioiello storico Oristano , il vino da provare è la calda e asciutta Vernaccia di Oristano.

Spiagge in Sicilia e Sardegna

Spiaggia del Centro Vacanze Isuledda in Sardegna

Spiaggia del Centro Vacanze Isuledda in Sardegna

Sicilia: la Sicilia è un'isola vulcanica, quindi dovrai ridurla quando si tratta della sua costa. La maggior parte delle spiagge siciliane si trova tra ghiaia e scogliere frastagliate – anche se ci sono alcune eccezioni degne di nota, come Mondello (un autobus facile o un giro in bici da Palermo) e San Vito lo Capo sulla punta nord-occidentale dell'isola. Ma ciò che in Sicilia manca in genere in ampie distese di soffice sabbia bianca, compensa con la sua bellezza costiera drammatica, l'acqua cristallina e molte isole spettacolari. Le isole eolie vulcaniche siciliane, protette dall'UNESCO, comprendono la famosa località Lipari , l'elegante magnate milionario Panarea e il nome appropriato Vulcano , che è famosa per i suoi bagni di fango, le spiagge di sabbia nera e la vista sull'Etna. Un'altra catena di isole, l'Egadi, è la patria di Favignana, dove le spiagge vantano pura sabbia bianca e grotte sottomarine che sono popolari con i subacquei.

Sardegna: le spiagge qui sono tra le migliori in Europa, alla pari delle migliori spiagge in Spagna, Portogallo e Grecia. Il bordo settentrionale dell'isola è davvero mozzafiato, con soffice sabbia bianca e acque al neon verde acqua. Chiamato Costa Smeralda (Costa Smeralda), questo è uno dei siti più iconici della Sardegna. Tuttavia, la Sardegna è circondata da una splendida costa tutt'intorno; i punti costieri da non perdere sono la sabbia bianca Rena Bianca, le falesie verticali di Capo Caccia (vai al tramonto), la pittoresca e poco profonda La Cinta, e il paradiso che è Cala Sinzias. Prendi il traghetto da Palau alle Isole della Maddalena , un arcipelago al largo della costa settentrionale della Sardegna con spiagge bellissime e per lo più vuote.

Cose da fare in Sicilia e in Sardegna

Duomo di Catania

Duomo di Catania

Sicilia: quando si tratta di importanti attrazioni storiche e città del mondo antico, la Sicilia ha il sopravvento sulla Sardegna. Ci sono punti di riferimento imperdibili o affascinanti città collinari in ogni angolo dell'isola, dal Palazzo dei Normanni e La Martorana a Palermo nel nord-ovest a Ortigia (il centro storico di Siracusa) nel sud-est. (Fuori Palermo è Monreale, una delle cattedrali più belle d'Europa e un'incredibile combinazione di stili artistici e architettonici arabi, bizantini e normanni.) Il nord e il nord est dell'isola racchiudono l'antico teatro di Taormina e il duomo di Cefalù, mentre la costa occidentale ospita la Valle dei Templi, patrimonio mondiale dell'UNESCO, una volta tra le più opulente colonie greche della Sicilia. Dei nove templi del sito, il Tempio della Concordia è il tempio più grande e meglio conservato di tutta la Sicilia. E questo è tutto prima di arrivare alle meraviglie naturali della Sicilia, come il Monte Etna (il più grande vulcano attivo in Europa e sede di molte aziende vinicole boutique), le spiagge incorniciate dalla scogliera e le tante belle isole al largo.

Sardegna: le attrazioni culturali della Sardegna impallidiscono accanto alla Sicilia, ma nonostante ciò vanta abbastanza siti storici e musei per escursioni tra i giorni di spiaggia, tour enogastronomici e gite naturalistiche. I viaggiatori di solito fanno un punto per vedere Su Nuraxi di Barumini e Nuraghe Sant'Antine, due siti archeologici dell'età del bronzo fondati quasi 4000 anni fa. Manufatti dall'età del bronzo ai bizantini sono esposti al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari , la capitale della Sardegna. (Mentre è lì, non dimenticate di visitare San Benedetto, il più grande mercato cittadino d'Italia, con venditori di pesce fresco, pomodori cimelio, albicocche, fragole, casizolu (formaggio di latte vaccino sardo), pane rustico e, naturalmente, cannoli pieni di ricotta e pistacchi.) Le altre principali attrazioni della Sardegna sono i suoi punti di bellezza naturale, come Porto Istana, una bella spiaggia sotto un promontorio granitico; Porto Giunco, una spiaggia di sabbia bianca con fenicotteri; e Oasi Biderosa, una riserva naturale di oltre 2000 acri con insenature incontaminate.

Resorts and Hotels Sardegna in Sicilia

Villa Bonocore Maletto in Sicilia

Villa Bonocore Maletto in Sicilia

Sicilia: la Sicilia non è enorme sulle catene internazionali. Troverete alcuni H & Ms e McDonald's a Palermo, naturalmente, e United Colors of Benetton e Ermenegildo Zegna nella lussuosa località turistica di Taormina. Ma la stragrande maggioranza delle imprese siciliane sono indipendenti e di proprietà locale, ed è sicuramente una buona cosa. Degli hotel in tutta la Sicilia, la stragrande maggioranza sono B & B a conduzione familiare, piccole ville, hotel indipendenti o avamposti di catene alberghiere italiane, come il Gruppo UNA con sede a Milano e la Chincherini Holiday con sede sul Lago di Garda. Gli hotel della catena internazionale sono pochi e lontani tra loro. Ad esempio, dei quasi 400 hotel che abbiamo visitato in Sicilia, meno di 30 fanno parte di grandi marchi internazionali come Best Western, NH, Hilton e Four Points by Sheraton. Vale anche la pena notare che molti hotel qui non sentono la necessità competitiva di rinnovare o modernizzare costantemente. Molti si sentono molto simili alle capsule temporali di un altro decennio, a partire dagli anni '60 e '50 rispettivamente per lo Sporting Baia e il Taormina Park Hotel . Non aspettarti l'ultima tecnologia, l'arredamento super contemporaneo e il lusso lussuoso, anche negli hotel di lusso. Inoltre, non seguire la rotta all-inclusive in Sicilia a meno che tu non stia bene con una versione di esperienza nuda; la maggior parte degli all-inclusive ha tristi buffet, bevande e intrattenimento.

Sardegna: grazie alla Costa Smeralda, un tempo meta di lusso per i ricchi, la Sardegna ha una miriade di proprietà esclusive e di lusso, come il lussuoso e appartato Le'a Bianca Luxury Resort e l'esclusivo ed elegante boutique Hotel Li Finistreddi . Ci sono pensioni affascinanti e soggiorni in campagna rustica (come l' Hotel Il Girasole a Villasimius e l' Hotel Parco degli Ulivi ad Arzachena). Se riesci a staccarti dalla costa per una notte o due, il Su Gologone Experience Hotel è un lussuoso centro termale ricco di opere d'arte nella rigogliosa campagna delle colline del Supramonte.

Muoversi in Sicilia e in Sardegna

Via alla Locanda del Conte Mameli in Sardegna

Via alla Locanda del Conte Mameli in Sardegna

Sicilia: per vedere veramente la Sicilia, noleggiare l'auto è l'unica strada da percorrere. Assicurati di concedervi il massimo della protezione da collisione; anche se questa copertura raddoppia le tariffe delle auto a noleggio, tieni a mente che i run-in minori con altre auto sono la stessa cosa per il corso. Ci sono treni e autobus che collegano i punti di interesse, ma possono essere lenti e richiedono trasferimenti multipli, entrambi che assorbono tempo prezioso. Guidare, tuttavia, non è privo di sfide. Le strade siciliane, specialmente negli interni frastagliati, sono notoriamente sinuose; i conducenti devono costantemente rallentare verso il basso per navigare nei tornanti a 180 gradi. Aggiungi ponti altissimi, corsie senza spalline e condividi la strada con veloci piloti siciliani, e l'esperienza può essere lenta e un po 'spaventosa. Preparati per distanze apparentemente brevi per impiegare più tempo di quanto pensi. Budget almeno mezza giornata (e senza soste importanti) per spostarsi da una costa all'altra.

Sardegna: come la Sicilia, guidare un'auto a noleggio è il modo migliore per spostarsi in Sardegna. I treni e gli autobus sono un'opzione, ma possono essere un momento importante e non molto affidabili. Guidare te stesso è sicuramente il modo più efficace per andare in giro, ma arriva con il suo insieme di svantaggi. Oltre a pagare il canone di affitto base, è necessario anche ottenere l'assicurazione e il budget massimo per i costi del gas (il carburante è costoso in Italia) e il parcheggio.

Ti piacerà anche: