Le 5 migliori gite di un giorno da Budapest

Budapest , la capitale dell'Ungheria, è in cima a molti itinerari europei, grazie al suo carattere storico, ai suoi stimati bagni termali, ai suoi vivaci bar in rovina, ai musei di fama mondiale e alla pittoresca posizione sul fiume Danubio. Ma consigliamo anche di esplorare le città più piccole del paese, i villaggi e le diverse offerte di natura - che completano le attrazioni della grande città. Dopo tutto, l'Ungheria ha funzionato a lungo come un crocevia europeo, essendo stata modellata dal dominio degli Asburgo, dal comunismo in stile sovietico e dal fatto che condivide i confini con sette paesi (Austria, Croazia, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia e Ucraina) . Ecco cinque destinazioni giornaliere da tenere a mente quando pianifichi la tua prossima visita alla "Perla del Danubio".


1. Esztergom

Rob Hurson / Flickr

Rob Hurson / Flickr

L'ex capitale dell'Ungheria è un must per gli appassionati di storia e architettura. Dopo aver servito come trono reale per 300 anni (dal X al XIII secolo), nonché il centro per il cattolicesimo romano nella regione, Esztergom è dominato da meravigliose reliquie storiche. La zona di Castle Hill ospita molte delle principali attrazioni, in particolare la Basilica di Esztergom, la cui cupola alta 236 piedi è probabilmente il primo segno della città che vedrai quando arriverai da Budapest. La struttura originale della chiesa fu distrutta dagli invasori ottomani, ma gran parte della cappella sopravvisse, includendo decine di sculture e intagli rinascimentali (con solo alcune teste di cherubini mancanti). Una moschea del XVII secolo è la prova che non tutta l'influenza ottomana era distruttiva – la struttura ornata oggi funziona come un museo. A proposito, Esztergom è piena di musei che coprono molti aspetti della sua ricca storia, tra cui il Danubio, il Castello e i Musei cristiani.

La città è situata sulle rive del Danubio, proprio di fronte al confine slovacco. È facile attraversare il ponte Mária Valéria fino a Štúrovo, una città di dimensioni modeste in Slovacchia conosciuta per i suoi bagni termali che garantiscono anche le migliori viste su Esztergom.

2. Lago Balaton

Fino a Westermayer / Flickr

Fino a Westermayer / Flickr

Il lago Balaton si estende per quasi 48 miglia attraverso l'Ungheria occidentale, dandole la distinzione di essere il più grande lago dell'Europa centrale. Fortunato per l'Ungheria senza sbocco sul mare, il litorale del Balaton offre numerose spiagge e tranquilli punti di nuoto. La costa meridionale è molto più sviluppata, tra cui Siófok, la città turistica più vivace dell'Ungheria. Durante i mesi estivi, i caratteristici locali e bar sulla spiaggia di Siófok si animano mentre la città si gonfia da 25.000 a quasi 200.000. Tuttavia, con 147 miglia di costa, non è troppo difficile da battere la folla.

Dall'altra parte del lago, sulle rive settentrionali, Balatonfüred offre una vacanza più rilassante con la sua città vecchia barocca e la vicinanza ad alcuni dei migliori vigneti d'Ungheria. Sulle sponde dell'estremo occidente, l'affascinante Keszthely era un rinomato ritiro estivo per i reali ungheresi, dimostrato dal Palazzo Festetics. Oggi, il pubblico può godersi i giardini stravaganti del palazzo durante i concerti estivi o visitare la cantina del palazzo. Il punto più occidentale del Lago Balaton – Keszthely – può essere raggiunto in sole due ore in auto o con i collegamenti ferroviari giornalieri da Budapest, che effettuano soste nelle principali città e villaggi lungo la strada.

3. Eger

sikeri / Flickr

sikeri / Flickr

Questa città incredibilmente pittoresca merita il viaggio in treno di due ore nel paese collinare orientale dell'Ungheria. Il compatto centro storico di Eger comprende numerosi edifici barocchi ben conservati, il castello di Eger e un minareto turco. Il castello fortificato, che comprende un palazzo gotico, una galleria d'arte e numerosi passaggi sotterranei, è assolutamente da non perdere. Una delle migliori viste del castello si può avere dopo una claustrofobica salita sul minareto turco di 137 piedi – uno splendido simbolo dell'occupazione ottomana. Nel frattempo, le terme e le cantine di Eger offrono una pausa rilassante da un itinerario impegnativo. Per una degustazione di vini, recati nella Valle delle Belle Donne per assaggiare i vinci locali in una manciata di cantine. Mentre il lago Balaton è noto per i suoi bianchi, Eger è rinomato per il suo vino rosso. Il robusto Egri Bikavér, che si traduce in sangue di toro, è ottenuto mescolando uve Kékfrankos locali con due o più varietà. La leggenda narra che Egri Bikavér aiutò Eger a scoraggiare gli invasori ottomani, i quali credevano che fosse in realtà il sangue di toro. Gli escursionisti avidi dovrebbero prendere in considerazione l'estensione del loro soggiorno a Eger per esplorare il vicino parco Bükki Nemzeti, che offre vaste fitte foreste e numerose grotte e anfratti scavati nelle montagne calcaree.

4. Szentendre

Jose A./Flickr

Jose A./Flickr

Situata a nord di Budapest lungo il Danubio, Szentendre è stata una meta popolare tra gli artisti ungheresi per quasi un secolo. Oggi, gli edifici color pastello della città funzionano in gran parte come gallerie d'arte, negozi di artigianato e caffè per i turisti. Partendo dal lungofiume, Szentendre può essere facilmente percorribile a piedi. Meandro in salita attraverso le viuzze acciottolate per guadagnare una vista sulle case dai tetti rossi e sulle guglie delle chiese. Non dimenticarti di fermarti ad alcuni dei più famosi musei d'arte di Szentendre, come il Ferenczy Museum, che è ospitato in una villa storica, o ArtMill per ispezionare il movimento artistico contemporaneo di Ungheria. Al di là dei musei, le gallerie e i negozi si allontanano, ma la città ben conservata e la pletora dell'arte ungherese meritano una visita. La vicinanza di Szentendre alla capitale ha accelerato lo sviluppo del turismo qui, facendo sì che le strade acciottolate e i mercati artigianali si gonfiassero nei mesi estivi, specialmente nei fine settimana. Prendi in considerazione un viaggio di circa 12 miglia da Budapest in bicicletta o traghetto.

5. Bratislava, Slovacchia

cat_collector / Flickr

cat_collector / Flickr

La capitale della Slovacchia, Bratislava , è stata a lungo oscurata da altre città capitali, come Vienna, Praga e Budapest. Per essere onesti, Bratislava è diventata una capitale solo nel 1993, dopo la pacifica divisione della Cecoslovacchia nella moderna Repubblica Ceca e in Slovacchia. Il centro urbano presenta le decorazioni standard delle altre città dell'Europa centrale: un pittoresco centro storico, un castello arroccato sopra la città e incantevoli caffè. Detto questo, Bratislava ha alcune attrazioni meno convenzionali, come il ponte di osservazione in stile UFO in cima al ponte Most SNP. Entra nella Città Vecchia adiacente al Danubio attraverso la porta medievale superstite. Più in là, palazzi barocchi, edifici universitari e numerosi caffè lungo la strada fiancheggiano le storiche strade acciottolate. Durante il periodo natalizio e pasquale, le piazze cittadine collegano vivaci mercati per le vacanze. Sebbene sia impossibile visitare Bratislava senza avvistare l'incombente Castello di Bratislava, vale la pena fare trekking in salita per accedere ai giardini del castello per una vista della città. Il castello ospita anche il Museo Nazionale slovacco e si trova a pochi passi dal monumento di Slavín. Questo imponente punto di riferimento onora migliaia di soldati sovietici morti mentre liberava la città dalle forze naziste: oltre 6.000 soldati sono sepolti all'ombra dell'obelisco. L'Hotel Galéria Spirit, un'attrazione più allegra, è costituito da vari materiali e colori e ospita una galleria d'arte. Bratislava è un viaggio in treno di due ore e mezza da Budapest, rendendolo una possibile gita di un giorno o scalo tra Vienna e la capitale ungherese.

Ti piacerà anche: