Questa nave da crociera è andata oscurata per 10 giorni per evitare un attacco pirata

Quando quasi 2.000 passeggeri salparono per una crociera di 104 giorni a bordo della Sea Princess, non avevano idea di iscriversi all'esperienza "Captain Phillips". Invece di "feste in terrazza, film sotto le stelle, bar notturni all'aperto a tarda notte e immersione in piscina", gli ospiti a bordo hanno incontrato una preoccupazione inaspettata: i pirati.

La nave, diretta a Dubai da Sydney, ha subito un blackout notturno di 10 giorni mentre si snodava attraverso l'Oceano Indiano, il Mar Arabico, il Golfo di Aden e il Canale di Suez. Carolyne Jasinski, un passeggero a bordo della nave, ha descritto l'intero calvario su news.com.au. "Nessuna luce, nessuna atmosfera di festa, nessuna brezza tropicale sui balconi", ha scritto. "Era una nave fantasma."

Mertie./Flickr

Mertie./Flickr

Ai passeggeri fu detto di spegnere le luci, tirare tutte le tende e chiudere le imposte mentre il sole iniziava a tramontare. Il capitano Gennaro Arma ha ricordato ai passeggeri, che inizialmente hanno scherzato sulla situazione, che hanno affrontato una vera minaccia e che "la nave deve essere preparata per un attacco dei pirati".

Le cose hanno preso una piega ancora più seria quando ai passeggeri è stato chiesto di partecipare a esercitazioni obbligatorie per prepararsi a un potenziale attacco. Durante questo periodo, fu detto loro "di sedersi sul pavimento e di aggrapparsi ai binari a mano nel caso in cui la nave dovesse allontanarsi dalle navi dei pirati", ha scritto Jasinski. "Nel caso di una vera minaccia, ai passeggeri delle cabine esterne è stato detto di chiudere e chiudere le porte del balcone, quindi chiudere la porta d'ingresso alla loro cabina e rifugiarsi nei corridoi".

Dopo tutto questo clamore, la compagnia assicurò che il protocollo era solo precauzionale. "Qualsiasi misura a bordo di Sea Princess è stata semplicemente tolta da un'abbondante cautela e non in risposta a una minaccia specifica", ha detto l'operatore della crociera, secondo il New York Daily News .

Inutile dire che il resto del viaggio è stato tranquillo.

Ti piacerà anche: